VQR 2011/14: la performance di Unime dovrebbe ridurre del 50% il taglio del FFO premiale

Università MessinaLa disaggregazione dei dati ANVUR resi noti ieri (lunedì 19 dicembre) sulla Valutazione della Qualità della Ricerca nel periodo 2011/14 conferma l’ottima performance di Unime e fa emergere un importante riscontro: secondo i criteri previsti dal bando della VQR, il risultato conseguito dovrebbe portare alla riduzione del taglio della quota premiale del Fondo di Finanziamento Ordinario di circa il 50%. Tra i grandi Atenei, l’Università di Messina è quella che ha fatto registrare il migliore risultato nazionale rispetto alla precedente rilevazione, con un +17%. Nel dettaglio, per l’indicatore del reclutamento (che misura l’impatto delle politiche di Ateneo sulla ricerca) Messina è 28a su 65 Università. Per l’indicatore complessivo che tiene presente anche il dato qualitativo e quantitativo relativo alle pubblicazioni presentate, Unime si trova davanti ad Atenei come Catania, Palermo, Roma La Sapienza, Siena e Bari. Proprio quest’ultimo dato, nel 2013, aveva invece relegato Messina all’ultimo posto. “Quella graduatoria – dice il Prorettore alla Ricerca, prof. Salvatore Cuzzocrea – è ormai un lontano ricordo. Un plauso va sicuramente a tutti i colleghi che hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato. Inoltre, i numeri offrono un fondamentale riscontro rispetto alle politiche di Ateneo in termini di reclutamento. Ovviamente, però, non ci si può e non ci si deve accontentare. Nelle prossime settimane, non appena riceveremo il report completo, avvieremo un’attenta analisi per capire quali sono gli ulteriori margini di miglioramento”.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...