Villa San Giovanni (Rc): dimissioni dei consiglieri comunali del Pd

comune-villa-san-giovanni“I Consiglieri Comunali appartenenti al Gruppo Consiliare del Partito Democratico al Comune di Villa San Giovanni, comunicano di aver rassegnato, in data odierna, nelle mani del Segretario Generale, le proprie irrevocabili dimissioni dalla carica di Consiglieri Comunali. Le motivazioni poste a fondamento delle suddette determinazioni sono dettate dalla linea politica promossa ed assunta dai Consiglieri appartenenti al Gruppo Consiliare del Partito Democratico già espressamente manifestata in diverse e ripetute occasioni e, comunque, cristallizzata nei contenuti del documento politico depositato in atti del Consiglio Comunale del 21 Novembre u.s. dove si è chiesto l’immediato ritorno alle urne, poiché il Consiglio Comunale nella sua nuova e diversa composizione – oltre a non rispecchiare più la volontà popolare per come espressa nella consultazione elettorale – è fortemente minato nella propria “agibilità democratica” causata dagli accadimenti politici verificatisi nell’ultimo periodo di consiliatura. Tale condizione, tenuta in piedi dall’ostinato atteggiamento autoconservatore dell’attuale risicata compagine di maggioranza, comporta un blocco amministrativo del presente ed una preoccupante ipoteca sul futuro della città. Che significato ha programmare sei mesi per una consiliatura che dovrebbe durare ipoteticamente altri tre anni? La logica imporrebbe un ritorno alle urne, quello che invece si sta verificando appare una forzatura inspiegabile! A titolo esemplificativo e non esaustivo occorre ripercorrere quanto accaduto: la notifica del provvedimento di sospensione dalla carica elettiva del Sindaco, del Vice Sindaco e di due Assessori della maggioranza di governo cittadino, in forza ed in virtù della c.d. Legge Severino a seguito di condanna penale subita dagli stessi; le surroghe che hanno portato tra gli scranni del Consiglio Comunale i primi dei Consiglieri non eletti della lista “Villa nel Cuore”; le dimissioni dei due consiglieri di maggioranza appartenenti al Gruppo Consiliare “Area Popolare”; le prese di distanza dall’attuale compagine governativa cittadina, sia di alcune componenti facenti parte della stessa maggioranza, che non partecipano più ai Consigli Comunali, che della Presidente stessa del Consiglio Comunale – soggetto tenuto a tutelare la dignità del ruolo del Consiglio stesso – tanto da rassegnare le dimissioni sia dalla carica di Consigliere Comunale che da Presidente del Consiglio Comunale stesso; il tutto al netto dell’esisto delle inchieste giudiziarie della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria che – per come si ha avuto modo di apprendere dai quotidiani locali – potrebbero interessare finanche l’apparato politico-amministrativo dell’Ente. La gravità dei fatti ed accadimenti per come sopra elencati ha spinto i Consiglieri Comunali appartenenti al Gruppo Consiliare a porre in essere, dopo aver effettuato i dovuti passaggi istituzionali, l’ultimo preciso gesto di discontinuità consistente nelle sopra dette irrevocabili dimissioni. Tale definitivo gesto politico, non matura solo a seguito di un convincimento personale ma, deriva anche dalla consapevole spinta propulsiva del Circolo Territoriale del Partito Democratico Villese che si innesta in un profondo momento di riflessione con i vertici dem provinciali e regionali che hanno condiviso appieno la scelta di porre fine a qualsiasi tipo di partecipazione all’attuale Assise Comunale”. E’ quanto scrivono in una nota i consiglieri Pd  Cosimo Emanuele Freno, Francesco Idone, Filippo Bellantone.