Reggio Calabria: al Circolo Velico premiazione della 32° Mediterranean Cup

1La Mediterranean Cup   e la città di Reggio Calabria. Il senso sportivo, civile , geografico, turistico  del ruolo della città di Reggio nel Mediterraneo  voluto, con lungimiranza, dai soci fondatori del Velico nel 1985  e che giunge sino ad oggi celebrando ben trentadue edizioni. Tutte con immutato entusiasmo  con protagonisti diversi  realizzando  un evento che nel Sud Italia e in Calabria non ha eguali .

Un patrimonio sportivo di Reggio e della Calabria, del suo straordinario mare,  del vento,  delle correnti, dell’ospitalità,delle bellezze, della natura e del suo Lungomare.  Da godere in modo semplice e diretto.

Più che una celebrazione è un tassello nella memoria  e  si potrebbe iniziare non con un  resoconto ma con una frase  degna di un film di Fellini : ” Vi racconto la Mediterranean Cup”.

Il racconto della tenacia, delle speranze, della dedizione ad uno Sport come la Vela e dell’orgoglio di chi a superato i trent’anni di una manifestazione che è divenuta una classica nel panorama mondiale della Vela giovanile. Tanti nomi del palcoscenico internazionale hanno ruotato attorno a questa kermesse. Dallo sloveno Morgan Milan , dai greci Costas e Stamatis ,dal tunisino Farouk Ben Miled , dagli sloveni Orel, dalle bandiere dei Balcani che mutavano di colori e di nazionalità,    dai bielorussi , dai maltesi di Anna Rossi, dai Norvegesi. Questo Mediterraneo mai  eguale nel corso dei questi trenta anni ,sia geograficamente come politicamente. Quest’anno, una novità  la partecipazione degli Stati Uniti, che fa della regata europea un regata mondiale,  e la presenza del Coral Reef Yacht Club  di Miami in  Florida  che a Reggio celebra il gemellaggio    incrociando i  guidoni così come è in uso tra le marinerie di ogni tempo. Il tema a margine della 32° edizione della Mediterranean Cup  è stato l’Ambiente, coinvolgendo la città  nel tema della efficienza energetica ,  di importanza  mondiale , dando prova che Reggio è all’avanguardia e vuole cancellare alcuni stereotipi   che ne oltraggiano la cultura e la bellezza.

Si sono valorizzate la gastronomia e i prodotti tipici della nostra terra  e il 17 dicembre  presenta un sapiente saggio di sapori  sposando Sport , tradizione , cultura  in un momento di incontro tra sinergie commerciali , realtà produttive  e imprenditoriali.   Vi è da sottolineare l’ assegnazione al team degli USA  del Trofeo LH  Hotel Lido  , dell’imprenditore alberghiero Vittorino Pelli , che proviene da una storica famiglia di illuminati imprenditori e  si è sempre speso per creare concrete possibilità di sviluppo  per Reggio e il suo hinterland attraverso la Vela e il Tennis.

Il Presidente del Circolo dr. Carlo Colella, nella veste  di anfitrione e testimone storico, ha dichiarato:” La Mediterranean Cup  ha fruttato posti letto e coinvolgimento di imprese e aziende locali.  Bisogna spingere oggi , come ieri,   nel riconvertire il porto  in un approdo  destinato al turismo nautico , crocieristico e sportivo. In questa trasformazione la vela e le regate internazionali sono uno strumento  di promozione efficace e immediata. “