Referendum, il PCI contro Falcomatà: “uso arrogante del potere comunale”

referendum“A Reggio gli ultimi scampoli della campagna elettorale stanno drammaticamente evidenziando un uso disinvolto e arrogante del potere comunale da parte del sindaco Falcomatà e del PD. Le strutture comunali, incredibilmente, sembrano essere proprietà privata ad uso esclusivo di Falcomatà, del PD e degli esponenti del si alla vergognosa de-forma della Costituzione firmata da Renzi, Boschi, Verdini e Alfano. Si stanno forzando regole e, sic et simpliciter, si sta sfregiando la democrazia. La concessione e l’utilizzo del Teatro “Francesco Cilea”, culla della cultura cittadina, per una manifestazione del PD con la presenza di Renzi, il Pinocchio di Rignano, è l’ultima grave forzatura dei regolamenti che, a parte i risvolti di vario tipo, offende il semplice e banale buon senso. La disperazione di Falcomatà e dei suoi accoliti sta provocando una serie di comportamenti inaccettabili e spregiudicati che offendono profondamente la città e i reggini. In tal senso, chiediamo formalmente un immediato intervento delle autorità competenti al fine di garantire trasparenza, pluralismo e legalità. Anche per questo, ci appelliamo alla nota maturità ed intelligenza degli elettori reggini affinchè esprimendo un grande e sonoro NO respingano il tentativo di demolire la nostra Costituzione e, al tempo stesso, boccino l’arroganza del fallimentare sindaco Falcomatà e della sua inadeguata amministrazione”. E’ quanto scrive in una nota Ivan Tripodi, segretario cittadino del PCI.