‘Ndrangheta, arrestato il boss Marcello Pesce: “non ha opposto resistenza”

‘Ndrangheta, arrestato il boss Marcello Pesce. L’uomo, al momento dell’irruzione degli agenti dello Sco e della squadra mobile di Reggio Calabria, era in camera da letto e non era armato. Non ha opposto resistenza ed è stato arrestato insieme a due uomini, padre e figlio, che erano nell’appartamento con lui

marcello-pesceEra ricercato dal 26 aprile 2010, quando sfuggi’ alla cattura nell’operazione “All inside”, Marcello Pesce, il boss latitante arrestato all’alba dalla polizia a Rosarno. L’uomo, al momento dell’irruzione degli agenti dello Sco e della squadra mobile di Reggio Calabria, era in camera da letto e non era armato. Non ha opposto resistenza ed e’ stato arrestato insieme a due uomini, padre e figlio, che erano nell’appartamento con lui. Condannato in appello a 16 anni e 8 mesi di reclusione per associazione mafiosa, Marcello Pesce e’ ritenuto dagli investigatori il capo strategico dell’omonima cosca, una delle piu’ potenti dell’intero panorama ‘ndranghetista. Pesce era tra i latitanti di ‘ndrangheta piu’ importanti ancora liberi.