Messina, madre e figlio arrestati per atti persecutori

carabinieri-notturnaSarà un fine anno sicuramente più sereno, quello che aspetta una giovane donna ormai da tempo vessata da continue minacce e violenze fisiche e psichiche perpetrate nei suoi confronti non solo dall’ex convivente, ma anche dalla madre di quest’ultimo. Nella mattinata odierna, infatti,  i Carabinieri della Compagnia di Messina Sud hanno arrestato per atti persecutori madre e figlio, che, ormai da tempo perseguitavano la donna con ingiurie e violenze dapprima consumate tra le mura domestiche e poi continuate anche dopo la separazione dei due. Protagonista della vicenda è un’impiegata 30enne che, però,  ha trovato il coraggio di denunciare tutto ai Carabinieri raccontando i particolari di mesi e mesi di terribili angherie. I militari, comprendo immediatamente la gravità della situazione ricostruivano nel dettaglio i contorni del dramma, rappresentando immediatamente la situazione alla Procura della Repubblica di Messina e, in particolare, al gruppo di Magistrati diretto dal Procuratore Aggiunto D.ssa Giovannella Scaminaci, specificatamente dedicato  alla tutela delle vittime vulnerabili.