Terremoto, un Geologo a TGR Calabria: “un forte terremoto interesserà la regione”, la smentita della Protezione Civile

sismografo-terremotoL’Unità Operativa  Autonoma della Protezione civile regionale ha diffuso questo comunicato:

Durante l’edizione del TGR Calabria delle ore 14:30 è andata in onda un’intervista a un Geologo durante la quale lo stesso professionista, disquisendo di un improbabile modello di previsione dei terremoti da lui stesso elaborato, forniva preoccupanti indicazioni circa un forte terremoto destinato ad interessare prossimamente il territorio calabrese con particolare riferimento alle aree geografiche della Sila e della Calabria meridionale. Al riguardo si ritiene doveroso evidenziare che le suddette dichiarazioni, rilasciate evidentemente a titolo personale, risultano essere fondate su modelli non riconosciuti scientificamente e privi di qualsiasi validazione ufficiale da parte delle istituzioni competenti. Lo stato attuale delle conoscenze scientifiche non consente, neanche nei paesi più avanzati nello studio dei terremoti quali il Giappone e gli USA, di formulare alcuna previsione dei terremoti individuando nella prevenzione l’unica forma di difesa possibile. Si devono pertanto fortemente stigmatizzare tali dichiarazioni che hanno consentito il diffondersi di informazioni prive di alcuna validazione scientifica che rischiano di ingenerare ingiustificate preoccupazioni nell’opinione pubblica, in questi giorni già particolarmente scossa dalle drammatiche notizie che giungono dalle zone terremotate del centro Italia. Al riguardo la U.O.A. Protezione Civile Regionale, nel prendere le dovute distanze dalle affermazioni in questione, ritiene indispensabile ribadire che pur essendo nota l’ubicazione delle faglie attive e recenti e quindi sapendo dove si potrebbero verificare eventi sismici, non è possibile invece fare alcuna previsione  su quando queste ultime si attiveranno e quindi su quando e con quale intensità colpirà il prossimo terremoto. I dati storici e geologico-strutturali indicano che la Calabria è una delle Regioni più esposte al rischio sismico dell’intera regione del Mediterraneo e pertanto la comunità scientifica è consapevole che in futuro – non si sa quandosi verificheranno sismi in Calabria. Tali conoscenze tuttavia, più che alimentare paure irrazionali che inducono a dare credito a fantasiose teorie ammantate da inesistenti basi scientifiche, devono stimolarci ad adottare le giuste misure di prevenzione tra le quali sicuramente una adeguata ed efficace pianificazione dell’emergenza a scala comunale e l’adeguamento sismico degli edifici pubblici e privati”.