Standing ovation per Gino Paoli, Sergio Cammariere e Danilo Rea al Teatro Rendano di Cosenza

cpr3Una lunga e fragorosa standing ovation ha chiuso al Teatro Rendano di Cosenza, tutto esaurito in ogni ordine di posti, il concerto-evento che ha visto sul palcoscenico dello storico teatro calabrese, eccezionalmente insieme, Gino Paoli, Sergio Cammariere e Danilo Rea, accompagnati da una super band composta da Amedeo Ariano, batteria, Luca Bulgarelli, contrabbasso, Bruno Marcozzi, percussioni, Daniele Tittarelli, sax. Un concerto straordinario, durato oltre due ore e trenta minuti, che ha regalato continue emozioni e momenti davvero magici; una sorta di grande omaggio alla migliore musica d’autore italiana, tra i brani storici di Paoli, i nuovi successi di Cammariere, i virtuosismi di Rea e di tutta la band, la rievocazione di alcune delle pagine intramontabili della canzone d’autore. Il concerto è iniziato alle 21.15 con una strepitosa sequenza di successi al pianoforte di Danilo Rea, uno dei pianisti italiani più apprezzati al mondo. Dopo un interminabile applauso che ha chiuso l’introduzione “solo piano”, è entrato in scena Gino Paoli, accolto da una calorosa ovazione. “La poesia è qualcosa di inspiegabile, un momento, un colore, la parola giusta, un sentimento…”, con queste parole, quasi sussurrate, Paoli ha portato subito il numeroso pubblico in un viaggio tra i suoi maggiori successi, da “Sapore di sale” a “La gatta”, da “Che cosa c’è” a “Una lunga storia d’amore”, fino a quella che è stata definita la più bella canzone italiana di sempre, “Il cielo in una stanza”. Un vero trionfo di musica, suggestioni, ricordi indelebili, profonde emozioni che ogni spettatore porterà con sé per sempre. Con la sua voce unica, la poesia irraggiungibile delle sue composizioni e il suo carisma, Paoli continua ad incantare il pubblico di tutte le età. Subito dopo, tra scroscianti applausi, è entrato in scena il beniamino crotonese, Sergio Cammariere, accompagnato dai suoi musicisti che lo hanno circondato in una scena sobria ed elegante, segnata da raffinati giochi di luci e i due splendidi pianoforti gran coda al centro del palco.

Cammariere, orcpr-2mai sicuro padrone di casa e del palcoscenico, ha sfoderato le sue gemme, in una omogeneità di suggestioni e d’atmosfera inimmaginabili. L’una dietro l’altra, sono arrivate le sue più belle canzoni: “Sorella mia”, “Dalla pace del mare lontano”, l’amatissimo successo sanremese “Tutto quello che un uomo”, ed ancora: “L’amore non si spiega” e “Cantautore piccolino”, in cui si paragona proprio a “Paoli Gino”, eseguito in una frizzante versione insieme a Danilo Rea. La terza parte del concerto, poi, ha riservato un eccezionale omaggio ai più grandi cantautori italiani. Paoli, al centro del palco, con Cammariere e Rea ai due pianoforti, hanno ricordato alcune delle pagine più belle della canzone d’autore italiana, con l’esecuzione di brani celeberrimi come “Un giorno dopo l’altro” di Luigi Tenco, “Io che amo solo te” di Sergio Endrigo, “Ritornerai” e “Il poeta” di Bruno Lauzi, “Il nostro concerto” di Umberto Bindi”. Con “Sassi”, Cammariere ha poi voluto omaggiare proprio Gino Paoli, definendolo “il più grande cantautore italiano”. “Reginella” di Roberto Murolo, con il coro di tutto il teatro e una versione memorabile di “Senza fine”, hanno chiuso un concerto che resterà tra i più belli della storia del Teatro Rendano e di “Fatti di Musica”, la prestigiosa rassegna del Miglior Live d’Autore ideata e diretta da Ruggero Pegna, giunta lla trentesima edizione e realizzata con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura della Regione Calabria. Il concerto del grande trio ha anche avuto il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e allo Spettacolo del Comune di Cosenza. “Un concerto così è quasi in commentabile, un sogno, un’emozione infinita, un live unico e meraviglioso!”, ha dichiarato Ruggero Pegna. “Un’altra gemma di un’edizione di Fatti di Musica che ha festeggiato il traguardo del trentennale con live unici e straordinari. Questa sera – ha concluso il promoter – si è celebrata una vera festa della grande musica d’autore italiana!”. A Pegna fa eco l’assessore Rosaria Succurro: “Per Cosenza è stato un onore, un concerto splendido, un evento che ha impreziosito la storia del nostro grande teatro!”. Dopo il concerto di Cammariere, Paoli e Rea, la grande chiusura di questa edizione della rassegna è in programma la prossima settimana al Palacalafiore di Reggio Calabria con l’Opera musicale “Notre Dame De Paris”, che si sta avviando a numeri record: diciottomila circa i biglietti già venduti! Per l’eccezionale opera di Riccardo Cocciante, dopo le repliche del 25 e 26 novembre, aggiunta un’ultima replica in programma domenica 27 novembre alle ore 17.00 (Biglietti Ticketone).

Tutte le informazioni su “Fatti di Musica Radio Juke Box 2016” sono reperibili al numero telefonico della segreteria organizzativa della Show Net srl 0968441888 e al sito web www.ruggeropegna.it.