Rubati 20 computer all’istituto “Severi-Guerrisi” di Gioia Tauro, Raffa: “la provincia li riacquisterà”

Raffa“Abbiamo appreso con grande amarezza la notizia del grave furto perpetrato ai danni della scuola ‘Severi-Guerrisi’ di Gioia Tauro a cui sono stati rubati ben venti computer. Si tratta di un gesto molto grave che desta profonda indignazione perché rivolto contro la parte migliore e sana della comunità cittadina”. E’ quanto afferma il presidente della Provincia di Reggio Calabria, Giuseppe Raffa, in relazione al brutto episodio che ha visto protagonista l’Istituto d’istruzione superiore gioiese. “Siamo molto preoccupati per quanto accaduto – prosegue Raffa – soprattutto per il livello di arroganza e sfrontatezza che ne sta alla base. E’ un segnale estremamente inquietante che non deve essere sottovalutato poiché testimonia l’esistenza di frange criminali senza scrupoli e disposte persino a compromettere la serenità e il diritto allo studio dei nostri giovani. Questo episodio rappresenta un ulteriore elemento di difficoltà che interessa l’istituto, i cui studenti sono  già fortemente provati dalla mancanza di aule. Il ‘Severi-Guerrisi’ – sottolinea il presidente della Provincia di Reggio Calabria – costituisce un modello virtuoso, all’interno del panorama scolastico provinciale, quale realtà da anni attivamente impegnata nell’attuazione di percorsi didattici e formativi di assoluta eccellenza. I risultati conseguiti, nei vari ambiti disciplinari – evidenzia il presidente di ‘Palazzo Alvaro’ – sono un motivo d’orgoglio e di grande soddisfazione per tutti noi e testimoniano l’impegno costante che questo istituto, in tutte le sue componenti, sta profondendo per cercare di offrire il meglio, sotto il profilo educativo e formativo, ai propri studenti. Basti pensare ai brillanti progetti e alle numerose iniziative che questa scuola sta portando avanti su un fronte, di fondamentale importanza per il nostro territorio, quale è quello dell’alternanza scuola-lavoro. Siamo vicini a tutti loro – rimarca Raffa -, al dirigente scolastico professor Giuseppe Geraldi, al corpo docente e alle famiglie. Supereremo insieme questa triste pagina e, rimanendo uniti, impediremo che qualche balordo possa illudersi di turbare il cammino dei nostri ragazzi. E’ anche in casi come questo che le istituzioni sono chiamate a fare la loro parte e a fornire risposte immediate e tangibili, sia da un punto di vista simbolico che sostanziale. In questo contesto – annuncia il presidente dell’Ente intermedio reggino – la Provincia di Reggio Calabria, proseguendo nel solco dell’indirizzo politico tracciato in questi anni, si farà carico del grave danno subito dall’istituto ‘Severi-Guerrisi’, reperendo le risorse necessarie all’acquisto di tutti i computer che sono stati rubati. Riteniamo si tratti di un gesto semplice, diretto ma doveroso nei confronti di una comunità, come quella di Gioia Tauro, che proprio nella scuola, nella cultura e nella conoscenza, ripone gran parte delle proprie speranze e aspettative di riscatto sociale e culturale”.