Riapre i battenti la Camera del lavoro di Sant’Alessio in Aspromonte

filcams-cgil al rettoratoRiapre i battenti la Camera del lavoro di Sant’Alessio in Aspromonte alla presenza di numerosi cittadini, simpatizzanti e compagni. Ha introdotto e moderato i lavori il dott. Franco Marra, già sindaco del Comune di Sant’Alessio in Aspromonte, promotore e sostenitore principale della riapertura del centro polifunzionale, dove la CGIL, ogni sabato mattina, offrirà assistenza a famiglie, pensionati, giovani in cerca di occupazione, immigrati e a quanti avranno bisogno di tutele sindacali in genere; presso la stessa sede, già svolgono un servizio importante per la crescita morale, socio-culturale e turistica del paese sia la Pro Loco che l’associazione di volontariato Scienza&Vita. Si sono susseguiti gli interventi qualificati del segretario SPI CGIL Salvatore Lacopo e della segretaria Lega SPI Catona Rosetta Melidoni, cui è stata affidata la responsabilità della Camera del Lavoro di Sant’Alessio. Hanno arricchito i lavori gli interventi di personalità con grande esperienza politica e sindacale: Prof.ssa Pina Cellini, Avv. Antonio Romeo e Carmelo Nucera. Ha concluso i lavori la segretaria provinciale di Reggio Calabria della CGIL Mimma Pacifici, la quale ha evidenziato che la Camera del Lavoro di Sant’Alessio rappresenta un grande segno di democrazia e legalità per l’intero territorio della Vallata del Gallico, rafforzata dalla presenza di associazioni che già operano nell’interesse di tutti, con validi progetti culturali e sociali. La segretaria Pacifici si è detta disponibile ad attrezzare con ogni strumento necessario la sede della camera del lavoro, per renderla completamente funzionale e rispondente alle esigenze del territorio. La Camera del Lavoro di Sant’Alessio diventa di fatto il primo centro polifunzionale della Vallata del Gallico a trazione CGIL, dove hanno sede altre associazioni che svolgono un servizio sinergico e di grande rilevanza socio-culturale.  Subito dopo le conclusioni della segretaria Pacifici, è stata donata una prestigiosa targa allo storico sindacalista di Sant’Alessio Rocco Marra, con la seguente motivazione: “Sindacalista di lungo corso, da sempre impegnato a difesa dei diritti dei lavoratori”.  Sulla “cornice” della targa, l’epigrafe di Enzo Biagi ha racchiuso l’essenza di tutta la manifestazione: “Per uccidere un uomo, non serve toglierli la vita, basta toglierli in lavoro”.