Reggio Calabria: sparatoria a Gallico, tabaccaio ferito. Fdi: “l’amministrazione lo aiuti a riaprire l’attività”

Sparatoria a Reggio Calabria: un tabaccaio è rimasto ferito in una tentata rapina compiuta a Gallico, la solidarietà di Fratelli d’Italia

omicidio-notte-polizia-volante“Il grave episodio che ha avuto come protagonista il tabaccaio di Gallico, gravemente ferito a seguito di quello che, secondo le prime ricostruzioni, pare essere un tentativo di rapina a mano armata compiuto ai danni del suo locale, sfociato in un concreto pericolo per la sua vita, ci lascia estremamente preoccupati non soltanto per il clima che da qualche tempo si sta registrando in città ma anche per le condizioni generali della nostra comunità sul profilo delicato della sicurezza. Con queste dure considerazioni la federazione reggina di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale condanna quanto verificatosi in città e, nell’indirizzare al commerciante reggino e alla sua famiglia la doverosa solidarietà per la drammatica vicenda, pur tirando un sospiro di sollievo per l’esito non fatale, non può esimersi dal fare qualche valutazione. La città di Reggio Calabria, ben lungi dall’essere la città metropolitana che tutti si sarebbero aspettati a seguito dell’importante riconoscimento politico conseguito, si trova infine nella tragica condizione di dover associare ai disservizi quotidiani, all’abbandono del territorio e al generale abbassamento del livello della qualità della vita, anche un incremento di episodi criminali che, evidentemente, come la cronaca dimostra, sarebbero sul punto di effettuare un drammatico “salto di qualità”. Non ci saremmo mai aspettati nulla di tutto questo. La nostra comunità, è inutile negarlo, rischia concretamente di trovarsi in una morsa soffocante e mortale che, a evidenti lacune politiche, sta lentamente ma progressivamente associando problemi di natura sociale ed economica, aggravati dal crescente problema della sicurezza, ovviamente sino a trascendere il singolo caso specifico”, è quanto scrivono in una nota Sebastiano Scuderi e Nino Fazio di Fratelli d’Italia.

Un problema che -proseguono- accompagnandosi al degrado e all’incuria cui sono esposte le nostre periferie, ci pone dinanzi non solo a prospettive potenzialmente nefaste, ma anche a una reale preoccupazione per l’incolumità dei cittadini. In questo contesto dove caos e incertezza vorrebbero regnare sovrani, il nostro plauso e il nostro riconoscimento non possono che essere rivolti al personale delle Forze dell’ordine che, nonostante le difficoltà giornaliere e l’assenza di strumenti idonei, con grande senso di abnegazione e amore verso le propria comunità, sacrificano la loro vita quotidiana pur di onorare le propria missione di garantire sicurezza, vivibilità e giustizia. Premettendo che – aggiungono- motivazioni e dinamiche dell’evento devono ancora essere compiutamente accertate, la nostra preoccupazione è che un’eventuale escalation di episodi di questo genere soprattutto a danno di commercianti, possa rappresentare, considerando il livello di impunità raggiunto, oltre che un serio pericolo per la loro vita, anche un’ulteriore minaccia cui viene esposto il nostro tessuto socio-economico, già ampiamente vessato da problemi di varia natura. Invitiamo, pertanto, l’Amministrazione, magari coinvolgendo finalmente anche l’opposizione, a fare le doverose valutazioni del caso e ad attivarsi, oltre la propaganda politica, perché si possa finalmente tracciare una strategia che punti alla difesa dei cittadini e alla tutela e sana promozione della nostra economia. Fratelli d’Italia, inoltre, rende noto che si recherà con una propria delegazione a far visita al commerciante reggino, evidenziando la vicinanza del movimento e impegnandosi a sollecitare la suddetta Amministrazione a fare tutto il possibile per garantire la sua incolumità e la rapida e sicura riapertura dell’attività”, concludono.