Reggio Calabria, Pd: “contrari a realizzare l’approdo per il trasporto presso il porto”

I consiglieri comunali di Reggio Calabria sono contrari a realizzare l’approdo per il trasporto presso il porto di Reggio Calabria

 

Caronte & Tourist“Noi sottoscritti consiglieri comunali di Reggio Calabria

PREMESSO CHE

Le Società Diano e Caronte&Tourist hanno presentato al Ministero delle Infrastrutture il progetto per la realizzazione di un approdo per il traghettamento dei mezzi pesanti da e per la Sicilia;

grazie all’impegno dell’Amministrazione comunale supportata dagli uffici le proposte non hanno superato il vaglio della Commissione Nazionale di Valutazione Impatto Ambientale perché il progetto non consentiva una completa ed esatta valutazione degli impatti;

- le Società hanno ritenuto di procedere alla predisposizione congiunta di una nuova proposta di approdo con le medesime caratteristiche;

- gli uffici stanno procedendo alla predisposizione di una relazione tecnica, da sottoporre all’attenzione dell’Amministrazione comunale, che specifica sia i rischi ambientali che gli svantaggi nel suo insieme ai quali la città andrebbe incontro; 

CONSIDERATO CHE

- L’assessore alla Pianificazione dello Sviluppo Urbano Sostenibile – Mobilità e Trasporti – Smart City ha espresso pubblicamente che la visione del sistema di mobilità dell’Amministrazione Falcomatà è assolutamente contraria a qualsiasi scenario che ipotizzi lo spostamento del traffico tir sul Porto di Reggio Calabria per le evidenti criticità che si creerebbero sulla rete dei trasporti per l’assorbimento dei flussi di traffico in un’area densamente abitata e a ridosso del centro storico urbano, come la storia di Villa insegna;

- Tale posizione è già stata formalmente espressa nel contributo fornito dall’Amministrazione comunale in sede di “studio di fattibilità per il miglioramento dei sistemi di collegamento marittimo, ferroviario e stradale nell’area dello Stretto”, condotto nell’ambito del tavolo tecnico istituito presso il MIT (d.m. 160/2014);

- La naturale vocazione del porto di Reggio è quella turistica e da diporto e questa visione è contenuta anche nel redigendo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS);

- L’Amministrazione, con dichiarazioni pubbliche rese dal Sindaco Giuseppe Falcomatà, si è espressa in maniera univoca valutando che lo spostamento del molo di attracco merci comprometterebbe definitivamente un sistema di trasporti fragile dovuto all’urbanizzazione della città e alle scelte dell’improvvisazione del passato vanificando tutti gli sforzi che l’Amministrazione sta mettendo in campo per realizzare un sistema di mobilità sostenibile in città e a misura di cittadino;

- Il trasferimento dell’attraversamento da Villa San Giovanni a Reggio Calabria, comporterebbe un incremento dei volumi di traffico sul tratto e l’ulteriore carico potrebbe comportare la saturazione ed il collasso del deflusso sull’arteria, impattare sul traffico dell’arteria autostradale e il tratto di collegamento alla SS 106 in attraversamento da e per la Jonica reggina, comporterebbe un riversamento sulla viabilità locale, e quindi sul traffico locale e di quartiere;

 

- Allo stato del traffico attuale l’arteria di collegamento dello svincolo “Porto” al lungomare di Reggio Calabria è già stata oggetto di numerose vertenze per gli impatti di traffico sugli edifici a ridosso dell’arteria, così che è stata già interessata da due interventi di mitigazione per la realizzazione di barriere fonoassorbenti, con raccomandazioni alla limitazione del traffico veicolare pesante. La prossimità dello scalo alla rampa autostradale è indubbio che comporterebbe un rigurgito di code di veicoli sulle arterie stradali, non essendo stato previsto nel progetto alcun polmone di stoccaggio per i veicoli in imbarco o sbarco;

Il Comune di Reggio Calabria, pur non essendo direttamente competente rispetto alla richiesta per cui è stata avviata la VIA, si è già espresso ufficialmente, alla luce delle valutazioni che gli organi tecnici stanno svolgendo, con una posizione assolutamente contraria allo spostamento del traffico dei tir al porto di Reggio Calabria, 

CONFERMA

l’assoluta contrarietà, netta ed incondizionata, all’ipotesi di realizzazione dell’approdo per il trasporto presso il porto di Reggio Calabria da e per la Sicilia e

IMPEGNA

gli uffici comunali a predisporre gli atti e le determinazioni consequenziali”.