Reggio Calabria, licenziamento vigilessa: Idv vuole chiarezza

protesta-vigili-urbani-1“Apprendiamo dalla stampa che nel comune di Reggio Calabria una donna vigile è stata licenziata dal suo dirigente per una presunta infrazione.  Non entriamo nel merito del provvedimento disciplinare in quanto sono faccende prettamente sindacali e di giudice del Lavoro. Quello che ci sembra politicamente assurdo è che il provvedimento l’abbia preso un dirigente che l’amministrazione Falcomatà ha nominato a Capo della Struttura della Polizia Municipale, senza, a quanto pare, avere i titoli necessari a svolgere tale ruolo, in quanto la legge lo affida a persone proveniente dallo stesso settore, da un corpo militare o di polizia giudiziaria”. E’ quanto si legge in una nota stampa a doppia firma del sen.Idv Francesco Molinari e di Oreste Arconte, responsabile organizzativo provinciale. “La cosa assurda -sottolineano Arconte e il sen. Molinari- è che il sindaco e la sua giunta ha nominato una persona, ex dirigente dell’Ufficio Urbanistico del Comune di Reggio, che nel 2013 è stato sottoposto, ad attività di indagine, proprio dalla stessa Polizia Municipale e che dette indagini si sono concretizzati in un procedimento penale a suo carico, con rinvio a giudizio. Nonostante tale palese incompatibilità, l’amministrazione comunale ha ritenuto logico metterlo a dirigere la struttura che lo ha addirittura indagato ma quello che troviamo irragionevole è che, la  vigilessa licenziata dal dirigente in questione, è stata tra gli ufficiali che hanno condotto le indagini a suo carico”. Si spera – concludono i due esponenti idv- che il sindaco Falcomatà  in questa brutta storia intervenga per fare chiarezza con tutta la sua autorevolezza e responsabilità”.