Reggio Calabria: gruppo giovani imprenditori, direttivo nella sede della “redel” su riciclo ed ecoinnovazione

da-sx_barreca_furfaro_nava_nuceraContinuano le riunioni itineranti del direttivo dei Gruppo giovani imprenditori di Confindustria Reggio Calabria. L’esecutivo dei “junior” di Via del Torrione ha tenuto i propri lavori nella sede della Redel, importante realtà imprenditoriale reggina attiva in ambito nazionale nel settore dell’impiantistica elettrica e delle telecomunicazioni. L’occasione ha consentito di svolgere nello stabilimento di Campo Calabro un’iniziativa per lo sviluppo sperimentale e la ricerca industriale, con la partecipazione di relatori ed esperti sul tema: “Riciclo ed Ecoinnovazione sostenibile di prodotto. Verso l’economia circolare dell’azienda”, nell’ambito dell’iniziativa nazionale “Mimprendo”. A tale concorso la stessa Redel, aderente al GGI di Confindustria, partecipa come unica realtà calabrese, dopo aver selezionato 7 giovani laureati e laureandi tra chimica ed ingegneria chimica dell’Unical, tra architettura, economia aziendale e ed ingegneria civile ed ambientale dell’Università Mediterranea, al fine di concorrere e competere con un’idea di prodotto su cui l’azienda sta innovando la propria filiera produttiva ed il proprio core business. L’occasione ha consentito di presentare le esperienze di innovazione già in atto in termini di investimenti, di strumentazioni e processi e di collaborazioni per laboratori territoriali, con progetti condivisi con altre aziende e attori istituzionali e privati: la scuola ITI “Panella-Vallauri” o ancora, per la sezione di ecodesign del prodotto e di prototipazione 3D, il laboratorio DHD dell’associazione “Pensando Meridiano”. L’infoday, anticipato dal consiglio direttivo dei giovani imprenditori di Confindustria, si è aperto con la sessione informativa-aziendale con i saluti e l’introduzione del presidente Samuele Furfaro. La giornata è proseguita con le relazioni della docente universitaria Consuelo Nava, che ha presentato le attività di ricerca e sviluppo, la dirigente del “Vallauri-Panella” Anna Nucera, che ha illustrato il progetto dei laboratori territoriali per l’occupabilita’; quindi l’imprenditore Umberto Barreca ha guidato la visita agli impianti per mostrare le attività di filiera del riciclo dei cavi per l’impiantistica industriale. Successivamente, nella sessione formativa e tecnico-scientifica, è stato realizzato un focus sui temi diretti alla sperimentazione di interesse del riciclo dei materiali costituenti i cavi elettrici, con gli approfondimenti del direttore DiAtic dell’Unical, Girolamo Giordano, e della stessa professoressa Nava. I temi dell’ecodesign dei prodotti innovativi e dell’additive manufacturing sono stati al centro della relazione dell’architetto Andrea Procopio. Hanno chiuso la sezione Giuseppe Pizzichemi sul business plan e Angelo Marra sulle tecniche efficaci di comunicazione e strategie per le competizioni nel settore innovativo per l’impresa.