Reggio Calabria, ennesimo incidente sulla SS106 [FOTO]

crea-5“Intorno alle ore 18,30 di sabato 26 novembre 2016 un’autovettura che marciava in direzione Melito/Reggio giunta all’altezza del Km 16+VIII, località Fornace di Lazzaro ha sbattuto contro un tratto di guard rail di circa tre metri situato alla fine del marciapiede lato Reggio, distruggendolo. Illeso il conducente. Notevoli danni all’autovettura. Alla luce del recente sinistro, fermo restando che lo stesso verosimilmente potrebbe essere riconducibile al comportamento dell’uomo, si sottopone alla valutazione della spettabile ANAS e del Comune di Motta SG, ognuno per quanto di competenza, la necessità di adottare degli accorgimenti per una maggiore sicurezza stradale. Si potrebbe collocare un guard rail o altra struttura di  protezione  in prosecuzione (verso sud) del marciapiede  ricadente sulla banchina stradale, traslato verso mare rispetto alla restante parte di  marciapiede. Si tratterebbe di allineamento”, è quanto scrive in una nota Vincenzo Crea, referente unico dell’Ancadic Onlus. “E’  necessario -prosegue- come già segnalato, provvedere alla raccolta delle acque di piattaforma e di quelle che scendono dall’adiacente strada di Fornace e si riversano sulla Ss 106 per poi proseguire lungo la stessa verso Sud, fino a raggiungere il vicino sottopasso stradale. Intanto per favorire il deflusso delle acque piovane raccolte nella cunetta a cielo aperto lungo la Ss 106 lato Nord dell’innesto per Fornace, sarebbe opportuno provvedere alla scarificazione di un tratto di battuto di cemento di circa un metro, maldestramente collocato, per permettere alle acque di riversarsi nel sottostante tombino. Inoltre al bivio per Bocale Km. 16+IX sarebbe opportuno spostare o quantomeno alzare le segnaletica verticale che turba la visuale ai mezzi che giungono dalla ex 106, oggi strada provinciale, e si immettono sulla Ss 106 a scorrimento veloce. Si richiama l’attenzione su quanto segnalato con la richiesta d’intervento del 19 settembre 2014 ovvero la mancanza delle condizioni di sicurezza per l’utenza debole. Il tratto in questione, teatro di numerosi incidenti stradali, è sprovvisto di attraversamenti pedonali. Resta da dire che tocca a noi tutelare la nostra incolumità, ancor prima delle Istituzioni, perciò rinnoviamo l’invito agli automobilisti di porre la massima attenzione e prudenza alla guida, di moderare la velocità e osservare le norme del codice della strada, anche nel rispetto della vita degli altri“, conclude.