Reggio Calabria, arrestate 2 insegnanti di una scuola pubblica per maltrattamenti sui bambini [DETTAGLI]

Due insegnanti sono state poste agli arresti domiciliari per maltrattamenti nei confronti di minori

maltrattamenti-alunniNella tarda serata di ieri i finanzieri del comando provinciale di Reggio Calabria hanno notificato a due insegnanti di un istituto scolastico pubblico del capoluogo reggino, R.G. di 61 anni e D.G. di 37 anni, una misura cautelare agli arresti domiciliari, con l’accusa di maltrattamenti aggravati e continuati nei confronti di minori di anni sei loro affidati. A dare il via alle indagini,  svolte dai finanzieri del gruppo di Reggio Calabria, la denuncia di una madre preoccupata per il cambiamento d’umore e di comportamento delle sue due figlie, sintomo dell’allarmante  livello di malessere raggiunto dalle stesse. Per accertare la veridicità delle accuse, l’attività d’indagine, coordinata dalla procura di Reggio Calabria attraverso il procuratore capo Federico Cafiero de Raho, coadiuvato dal  procuratore aggiunto Gerardo Dominijanni e dal sostituto pm Teodoro Catananti, è stata espletata anche mediante l’installazione di alcune telecamere e dispositivi di registrazione ambientali dislocate all’interno dell’aula dove si ipotizzava si sarebbero potute perpetrare le condotte illecite delle docenti.

Le registrazioni audio – video hanno, così, consentito di accertare i maltrattamenti psico-fisici subiti da alcuni alunni minorenni. In particolare, le due docenti colpite dall’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal tribunale di Reggio Calabria, a firma del gip Adriana Trapani, maltrattavano alcuni degli alunni minorenni, a loro affidati per ragioni di educazione, istruzione, cura e custodia, utilizzando violenza contro di loro. Espletate le formalità di rito, entrambe sono state poste agli arresti domiciliari.