Reggio Calabria: 41 immobili sequestrati alla criminalità diventeranno sedi della PA

ajaxmailL’Agenzia Nazionale dei beni sequestrati e confiscati (ANBSC) ha consegnato in gestione all’Agenzia del Demanio 41 immobili confiscati  a cosche della ‘ndrangheta  che saranno destinati a divenire sedi di uffici pubblici, in particolare alloggi e uffici della Guardia di Finanza, dei Carabinieri, la sede della Corte di appello, del Tribunale di Sorveglianza e della Prefettura del capoluogo calabro. La notizia è arrivata durante la presentazione della prima Conferenza di Servizi in forma simultanea a mezzo piattaforma digitale a cui hanno preso parte il Direttore dell’ANBSC, Umberto Postiglione, il Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, il Direttore Regionaledella Calabria dell’Agenzia del Demanio, Giuseppe Tancredi, ed i rappresentanti degli Enti Territoriali. Per la prima volta i soggetti istituzionali convocati hanno avuto la possibilità di esprimere la propria manifestazione di interesse all’acquisizione dei  160 immobili che hanno un valore complessivo pari a circa 19 milioni di euro. Il nuovo  sistema telematico “Open Re.G.I.O.” infatti mette a disposizione online le informazioni e  la documentazione riguardanti ogni singolo immobile in modo tale che le amministrazioni possano inoltrare le manifestazioni d’interesse all’ANBSC che provvederà quindi alla destinazione del bene.