Referendum, Alfano a Reggio Calabria: “votano No perchè non gli piace Renzi” [FOTO e VIDEO]

Referendum, Alfano a Reggio Calabria: “noi vogliamo cambiare il motore alla macchina della Costituzione perchè, siccome è bella, vogliamo pure farla andare veloce”

alfano-reggio-22“Molti dicono No al Referendum non perche’ non gli piace la proposta di riforma della Costituzione ma perche’ non gli piace il proponente, ossia il Governo“. Lo ha detto a Reggio Calabria il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, il quale ha inaugurato anche una sede del Nuovo Centro Destra. “Noi vogliamo cambiare il motore alla macchina della Costituzione – ha aggiunto – perche’, siccome e’ bella, vogliamo pure farla andare veloce. Quelli del fronte del no sono disponibili, invece, a tenersi un’auto col motore lento pur di cambiare il guidatore: vogliono cambiare il Presidente del Consiglio, ma non la Costituzione. Ma senza cambiare la Costituzione, chiunque dovesse arrivare a fare il Presidente del Consiglio, si troverebbe a guidare sempre un’auto col motore lento. La macchina della nostra Costituzione e’ una bellissima macchina d’epoca: La carrozzeria e’ molto bella. I principi e i valori sono molto belli. I diritti e i doveri sono scolpiti in modo indelebile, ma il motore e’ lento. Noi vogliamo mettere un motore nuovo ad una macchina bella in modo che vada piu’ veloce”. Sui rapporti con il partito di Berlusconi, il ministro afferma: “se Forza Italia decidera’ di stare con gli estremisti avra’ fatto una scelta di campo opposta a quella del popolarismo europeo”. “Noi vogliamo costruire un’area moderata che vada oltre l’esperienza del Nuovo Centro Destra che ha salvato questo Paese- ha detto Alfano- vogliamo continuare questo cammino insieme ad altri, a tutti quelli che tra tante parole distruttive, tra ‘ruspe e vaffa’, pensano che ci si sia lo spazio del buon senso”. “Su questa strada troveremo milioni di elettori e tante forze politiche che oggi possono, in assenza di una prospettiva, aggregarsi al nostro progetto”, ha concluso il ministro. All’iniziativa erano presenti, tra gli altri, l’on. Rosanna Scopelliti ed il Sen. Nico D’Ascola.