Messina: presto al via il Servizio di Riabilitazione Cardiologica all’Ospedale Piemonte

Ospedale Piemonte a Messina: presto al via il Servizio di Riabilitazione Cardiologica

ospedale piemonte pronto soccorsoÈ la più antica Cardiologia della città con il centro di elettrofisiologia e cardiostimolazione per la diagnosi e la cura delle aritmie. L’Unità di Cardiologia dell’Ospedale Piemonte, tuttavia, non è solo tradizione ed esperienza, ma anche innovazione. Il reparto, di cui è responsabile il dott. Gaetano Cannavà, è formato dall’Unità di Terapia Intensiva Coronarica, dotata di 8 posti letto, e dalla degenza cardiologica con 6 posti letto. Tra le attività, la diagnosi e il trattamento dello scompenso cardiaco e la stabilizzazione dei pazienti con cardiopatia ischemica. Presso l’Unità di cardiologia si effettuano inoltre impianti di pacemaker, di defibrillatori, terapia elettrica dello scompenso. I pazienti sui quali sono stati compiuti tali trattamenti sono costantemente monitorati a distanza attraverso il controllo remoto, un sistema che permette non solo di ottenere in tempo reale i dati relativi allo stato di salute del paziente, ma anche di ridurre gli accessi al nosocomio.

Per gli utenti esterni sono infine attivi ambulatori di ecocardiografia, per la diagnosi e il trattamento dello scompenso cardiaco e delle aritmie.

Per completare l’offerta, come stabilito dalle previsioni regionali, tra qualche mese, presso l’ospedale Piemonte sarà operativo il primo Servizio di Riabilitazione Cardiologica pubblico della provincia di Messina.

L’attivazione del Servizio consentirà la chiusura del cosiddetto cerchio terapeutico in collaborazione con altre aziende cittadine. Verrà infatti garantita assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco cronico, ai post infartuati, ai pazienti che hanno subìto un intervento di cardiochirurgia, che, una volta stabilizzati, potranno iniziare il trattamento riabilitativo in regime di ricovero e, successivamente, in regime ambulatoriale.

Sulla base di un’analisi dei dati sanitario – epidemiologici nella provincia di Messina, si prevede un flusso di circa 800 pazienti l’anno.