Messina: approvata dalla giunta la riduzione sperimentale dei coefficienti

La giunta di Messina ha approvato la riduzione sperimentale dei coefficienti

giunta messinaCome preannunciato nelle scorse settimane, la Giunta comunale ha approvato nella seduta dello scorso venerdì la riduzione sperimentale dei coefficienti per l’occupazione del suolo nella “zona 1” della città (dal viale Europa al viale Annunziata). Il provvedimento impegna anche gli assessorati alle Attività Produttive, al Patrimonio e ai Beni Comuni per la redazione, entro un mese, di un regolamento sul “baratto amministrativo” introdotto dall’articolo 190 del Decreto Legislativo n. 50/2016 (Codice degli appalti). In pratica il canone della COSAP si riduce del 40% e, con l’attivazione di progetti di tutela e valorizzazione, anche culturale, di specifiche zone della città, la riduzione potrà arrivare anche al 55% dell’attuale canone. “È un provvedimento particolarmente importante – dichiara il sindaco, Renato Accorinti, – per sostenere l’attività degli esercenti e dei commercianti in città, assunto dall’Amministrazione nelle more della variazione del regolamento. La sperimentazione servirà infatti a facilitare l’introduzione di un identico provvedimento definitivo nel regolamento, di competenza del Consiglio comunale. Particolarmente nell’attuale momento di crisi economica, le minori tasse possono incoraggiare l’occupazione del suolo e scoraggiare l’abusivismo, aumentando di fatto gli introiti comunali”. L’assessore alle Attività Produttive, Guido Signorino, evidenzia che: “Siamo molto soddisfatti perché va in porto una iniziativa da tempo programmata, che abbiamo concordato con le associazioni di categoria nelle scorse settimane. La Cosap si riduce del 40% e questo incentiverà, anche in vista del periodo natalizio, lo sviluppo e la regolarizzazione dell’occupazione del suolo a servizio degli esercizi e delle attività commerciali, con vantaggio di tutti, perché pagando di meno potranno pagare tutti. La positiva esperienza collegata alla riduzione degli oneri di costruzione ci incoraggia in tal senso”.