Locri, “violato il diritto allo studio per il piccolo Nicola, anno scolastico pregiudicato”

nicolaL’Associazione Amici di Nicola, organismo per la tutela delle persone con disabilità, denuncia il pregiudizio a danno dello studente con disabilità Romeo Nicola, iscritto al Liceo Artistico di Locri, ad oggi non ha ancora iniziato a frequentare nemmeno un giorno di scuola. Una speranza è giunta qualche settimana addietro quando le criticità ricettive del Liceo sembravano avviarsi alla risoluzione. Il 4 novembre in sede di riunione GLHO, la short-list messa a disposizione delle scuole superiori, dalla Provincia di Reggio Calabria per la scelta dell’Assistente Educativo, non ha prodotto risultati. A questo punto, a circa due mesi dal suono della campanella si prospetta il serio rischio di perdere l’anno scolastico per l’eccesso di assenze che lo studente sta facendo suo malgrado e per colpa dei ritardi causati dal sistema burocratico scolastico. Infatti oltre a vedere violati i diritti costituzionali, Nicola dovrà ripetere l’anno, come dire “oltre al danno anche la beffa”. Tuttavia, nonostante il clamore mediatico, l’intervento del Prefetto di Reggio Calabria Dottor Di Bari, del Garante per l’Infanzia e l’adolescenza della Calabria Cav. Marziale, le denunce della famiglia Romeo, due interrogazioni Parlamentari in corso, niente di tutto questo ha prodotto gli effetti sperati. Alla luce di tutto ciò, al fine di una rapida risoluzione della vicenda, i genitori di Nicola propongono alla Dirigente del Liceo una soluzione fattibile e immediata che evita le drastiche conseguenze anzidette e permette di iniziare subito la frequenza, infatti hanno chiesto di inserire come Assistente Educativa, allo studente in questione, la sorella dello stesso in quanto alla luce del fatto che la short list non ha prodotto risultati è l’unica via percorribile nell’immediato. Pertanto, ad oggi la sola figura adatta a seguire lo studente Romeo Nicola dal punto di vista dell’assistenza educativa ed affiancarlo durante le attività scolastiche è sua sorella Elisa. Tuttavia questa soluzione viene scartata dalla Dirigente scolastica dell’artistico che preferisce emanare un bando pubblico, metodo che penalizzerà ulteriormente lo studente con handicap ritardandone l’inizio della frequenza scolastica di altri mesi e di conseguenza l’anno 2016/2017 sarà pregiudicato per burocrazia. In conclusione, a Nicola viene negato il diritto allo studio proprio da quella “buona scuola’’ che avrebbe dovuto includerlo ed integrarlo in ogni attività.