L’impegno sociale di poste italiane 44 nuovi progetti e una rete di 1200 volontari. Tra questi anche tre progetti in Calabria

concorsi-poste-italiane-postini

A poco più di un anno dall’inizio della sua attività, Poste Insieme Onlus, la Fondazione di Poste Italiane nata per promuovere politiche di inclusione e solidarietà sociale, fa un bilancio dei primi obiettivi raggiunti illustrando le ulteriori tappe del suo percorso di prossimità ai territori, alle famiglie ed al terzo settore, con 44 nuovi progetti approvati e una inedita rete di volontariato aziendale di 1200 dipendenti. Strategia, risultati e singoli interventi sono stati presentati oggi a Roma nell’Ufficio Postale di San Silvestro dalla Presidente di Poste Italiane e della Fondazione, Luisa Todini, insieme all’Amministratore Delegato, Francesco Caio, nel corso di una iniziativa che ha visto tra le altre la partecipazione della Vice Presidente del Senato On. Valeria Fedeli, del Sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, nonché di un’ampia rappresentanza delle principali organizzazioni del terzo settore e della rete di volontariato aziendale. Questi i temi dei progetti diffusi sull’intero territorio nazionale: percorsi di aiuto e reinserimento lavorativo per donne vittime di violenza, servizi di assistenza domiciliare e residenziale per persone colpite da patologie, iniziative di sostegno all’invecchiamento attivo ed al mantenimento dell’autonomia, azioni di contrasto delle nuove forme di povertà estrema, attività di formazione professionale e valorizzazione del talento e della creatività di giovani svantaggiati e disabili. Nell’attività di Poste Insieme Onlus sono stati inseriti anche alcuni progetti previsti in Calabria. Due progetti nazionali con presenza regionale: Fish Onlus, destinato all’inclusione delle persone con disabilità e delle loro famiglie; e Save The Children, “Spazio Mamma”, che ha come obiettivo il contrasto dell’incremento della povertà minorile e la prevenzione del fenomeno della povertà educativa mediante il sostegno al funzionamento di n. 4 centri aggregativi per bambini che vivono una situazione di vulnerabilità associando ad essa percorsi educativi e/o di sostegno personalizzati che prevedano anche l’attivazione della risorsa genitoriale.

In ambito locale è stata inserita l’iniziativa “ATTIVA…MENTE FUORI”, promossa da “I giovani della Carità” di Crotone. Questo progetto prevede l’attivazione di un centro diurno per l’inserimento socio-lavorativo di 10 minori e giovani adulti sottoposti a provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria mediante la promozione di opportunità di inserimento socio-lavorativo, con contestuale riduzione del disagio, attraverso interventi di sostegno psico-socioeducativi, in un campione della popolazione ristretta nella struttura detentiva della provincia di Crotone. Alle forme di sostegno finanziario – con un investimento complessivo che ha già superato i 2 milioni e mezzo di euro – improntate ad innovative modalità di accompagnamento e valutazione in itinere, cui seguirà anche un monitoraggio sull’impatto sociale conforme agli standard internazionali SROI – Poste Insieme Onlus unisce, grazie alla sinergia operativa con la funzione di responsabilità sociale d’impresa del Gruppo Poste Italiane, una inedita attività di volontariato aziendale al di fuori dell’orario di lavoro che costituisce a livello nazionale un’assoluta novità. “I risultati del primo anno di attività di Poste Insieme Onlus ed il rinnovato e più consistente impegno assunto oggi con 44 nuove progettualità sociali ed una rete di 1200 volontari – ha spiegato la Presidente Luisa Todini – confermano come Poste Italiane sia un’azienda che è saldamente radicata da quasi 155 anni nel cuore e nell’anima del nostro Paese, vicina a famiglie e territori, in grado di intercettarne ed interpretare capillarmente bisogni ed aspettative, trasformandole da sempre in azioni concrete. Anche il ruolo svolto con immediatezza dalla nostra Azienda nelle attività di risposta e di presidio territoriale dell’emergenza post- sisma – ha concluso la Presidente di Poste Italiane – dimostrano che Poste Italiane è oggi più che mai azienda sociale e di mercato, protagonista di uno sviluppo che include ed amplifica i processi di cambiamento e modernizzazione in atto”.

“Il percorso di sviluppo e trasformazione di Poste Italiane – ha dichiarato l’Amministratore delegato Francesco Caio – è imperniato su una costante attenzione al tema dell’inclusione sociale. Attraverso Poste Insieme Onlus e le numerose attività di corporate social responsibility, l’Azienda ha definito una strategia integrata che unisce ai valori della prossimità e della semplicità l’impegno solidale e responsabile degli organi aziendali e di tutti i suoi dipendenti in un agire comune, attraverso la condivisione di iniziative di volontariato in grado di innescare processi di cambiamento e miglioramento, anche culturale, del nostro Paese”. In aggiunta alle iniziative di raccolta fondi a favore delle popolazioni colpite dal sisma già rese operative nei mesi scorsi, Poste Italiane ha infine illustrato insieme al Sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, una iniziativa sociale che sosterrà i bambini e i ragazzi rimasti privi di uno o entrambi i genitori in un percorso di mentoring, accompagnamento scolastico ed inserimento professionale personalizzato. Il progetto, realizzato da Mentoring Italia Onlus, è finalizzato a supportare il percorso psicologico ed attitudinale delle nuove generazioni ed è stato finanziato attraverso il ricavato integrale di un folder filatelico emesso in precedenza da Poste Italiane, riproposto in vendita con scopi benefici a favore delle vittime del terremoto ed esaurito in pochissimi giorni.