Lega Pro, oggi Messina-Matera: ecco i precedenti

Lega Pro, i precedenti tra Messina e Matera: i peloritani hanno conquistato fra le mura amiche cinque vittorie e due pareggi, tre le sconfitte

LaPresse/Francesco Saya

LaPresse/Francesco Saya

Bilancio favorevole ai peloritani negli scontri casalinghi contro il Matera. Il Messina ha conquistato fra le mura amiche cinque vittorie e due pareggi, tre le sconfitte. La prima partita si disputa nella stagione 1968-69, i biancoscudati vincono per 3-0. Un autogol di Giannattasio al 9′ spiana la strada ai locali che gonfiano il sacco in altre due occasioni con Luppi al 52′ e La Rosa al 56′. Le due stagioni seguenti terminano con il medesimo risultato: 0-0. Torna al successo il Messina nel campionato 1972-73, dal dischetto realizza la rete vincente al 34′ Pittofrati. Annata che, comunque, termina con la retrocessione del Messina in serie D. Nel 1974-75 i siciliani si impongono per 4-1, la parte del leone viene recitata da Castronovo, autore di una tripletta siglata al 12′, al 32′ e al 46′ su rigore. Al 60′ accorcia le distanze Chisena, ma Tripepi all’82 chiude ogni discorso. Arriva nel torneo targato 1976-77 la prima vittoria del Matera. Il match termina 1-2. Apre le marcature Picat Re al 42′, nove minuti dopo si annota il momentaneo pari siglato da Garganico dagli undici metri, gol vincente di Chimenti al 68′. Riconquista la vittoria il Messina nella stagione 1981-82, risultato finale: 2-0 con le reti di Alivernini al 49′ e Marescalco al 73′. Esito che viene ribaltato dal giudice sportivo, che accoglie un reclamo presentato dai lucani in merito ad un oggetto lanciato dagli spalti, che non aveva consentito al calciatore Gambini di terminare la gara. Nel 2014 doccia fredda per il Messina, che deve raccogliere la sfera in fondo al sacco ben cinque volte. Apre le danze Iannini al 12′, rigore di Letizia al 22′ ed espulsione di Altobello, doppietta di Madonia al 27′ e 40′ a ancora gol di Letizia allo scadere del primo tempo per una gara senza storia. Cambia la musica nella stagione seguente, segna Tavares al 18′, pareggia Iannini al 60′, di Cocuzza ad un minuto dal termine e dagli undici metri, il gol che vale l’intera posta in palio.