La Golem Palmi riabbraccia Geraldina Quiligotti

17-geraldina-quiligotti-golem-volley-palmiUn graditissimo ritorno al Palazzetto Mimmo Surace, dove le ragazze della Golem hanno riabbracciato la loro compagna Geraldina Quiligotti. Il libero Livornese ha vissuto un lungo periodo di stop, cominciato nella scorsa stagione nella storica vittoria delle Golemine sul taraflex del volley 2002 di Tai Aguero. Nel corso di quel match, infatti, la giocatrice Toscana aveva subito un bruttissimo infortunio al legamento del ginocchio destro. Dopo l’intervento ed un lunghissimo periodo di riabilitazione, la Quiligotti era rientrata in gruppo all’inizio di questa stagione. Il suo esordio stagionale era programmato per la quarta giornata di campionato, con la Golem ad ospitare Entu Olbia. La sfortuna si accanisce però sul Libero della Golem, vittima di un’ulteriore infortunio nel corso del riscaldamento. Questa volta tra la Quiligotti ed il taraflex ci si mette il menisco, che decide di rompersi e rovinare la festa alla giocatrice. Geraldina non demorde, ha tanta voglia di tornare. Si sottopone subito all’intervento chirurgico, brucia tutte le tappe della riabilitazione ed ecco che rientra in gruppo a sole tre settimane dal secondo infortunio. Oggi al palazzetto c’era anche lei, ad allenarsi e sudare insieme alle compagne di squadra. «Non sono ancora al massimo – ha spiegato la Quiligotti – Ho ancora un po’ di timore nel lasciarmi andare, ma sto lavorando per rientrare il più in fretta possibile». Se il rientro in gruppo ed in allenamento è già avvenuto, dunque, per il rientro in campo ci sarà da pazientare ancora un po’. Coach Pasqualino Giangrossi è comunque fiducioso, presto riavrà a completa disposizione la sua giocatrice. L’apporto che Geraldina può dare alla Golem è sicuramente altissimo, sia dal punto di vista tecnico-tattico che per far rifiatare la compagna di ruolo Alice Barbagallo. La giocatrice Siracusana si sta comunque rendendo protagonista di un ottimo inizio di campionato ed ha mostrato grandi miglioramenti. Il rientro della Quligotti, tuttavia, consentirà alle due di alternarsi, fornendo in più a coach Giangrossi la possibilità di scelta tra due alternative, variando così le proprie scelte in base alle esigenze tattiche ed alle caratteristiche individuali delle due giocatrici.