Inquietanti lettere di minaccia: arrestato badante estortore nel messinese [VIDEO]

Arrestato il fidato ed insospettabile badante che da tempo, godendo della piena fiducia della vittima e dei suoi parenti, lo assisteva in tutte le sue faccende quotidiane

arresto-barcellona-pozzo-di-gottoNon credevano ai loro occhi i Carabinieri della Stazione di Falcone quando hanno avuto modo di accertare come l’autore di alcune inquietanti lettere di minaccia con richieste di denaro ricevute da un ottantacinquenne del luogo, fosse proprio il badante dell’uomo.

Così, nei giorni scorsi sono scattate le manette per il 46/enne Filippo Munnia, posto agli arresti domiciliari in esecuzione di ordinanza cautelare emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Patti per tentata estorsione aggravata, furto aggravato ed illecito utilizzo di carta bancomat ai danni di un uomo di ottantacinque anni che accudiva quotidianamente come badante.

L’arresto, scattato a conclusione di fulminea ma complessa attività investigativa condotta dai Carabinieri, è scaturita dalla denuncia presentata dai parenti dell’anziano i quali, preoccupati da quelle lettere minacciose ricevute dall’anziano familiare, avevano deciso di contattare la Stazione Carabinieri del posto, riferendo come l’anziano, in pochi giorni, aveva ricevuto più lettere anonime dal contenuto inquietante. Nelle missive, infatti, l’anonimo mittente chiedeva un vero e proprio “pizzo”: 200 euro al mese da versare in corrispondenza con la percezione la pensione, richiesta che, ovviamente causava nell’anziano un legittimo timore per la propria incolumità e quella della sua famiglia, che nelle missive anonime veniva esplicitamente minacciata.

carabinieriE così per individuare l’ignoto estorsore i Carabinieri decidevano di assecondarne apparentemente le richieste: proprio come indicato nelle missive, l’anziano, percepita la modesta pensione, deponeva 200 euro in banconote, non vere ma fotocopiate, in una busta da lettera, depositandola poi nella propria cassetta della posta, proprio sotto casa. Naturalmente il denaro era costituito da banconote fotocopiate. E non passava più di qualche ora che un uomo, con fare circospetto, si avvicinava alla cassetta cercando, anche aiutandosi con un ramo, di estrarre la busta con il presunto “pizzo”. A questo punto, però, la sorpresa è stata duplice: da un lato, infatti, il malfattore si rendeva conto che nella lettera non vi erano soldi veri ma soltanto banconote fotocopiate e, dall’altro, i Carabinieri, che intanto assistevano alla scena, grazie ad alcune telecamere collocate sul posto su autorizzazione della Procura, riconoscevano l’ignoto estorsore in realtà Filippo Munnia, il fidato ed insospettabile badante che da tempo, godendo della piena fiducia della vittima e dei suoi parenti, lo assisteva in tutte le sue faccende quotidiane, compreso lo spostamento da casa all’Ufficio postale per il ritiro della pensione.

Il prosieguo delle indagini aggravava ulteriormente la posizione del Munnia, dato che la conseguente perquisizione condotta presso l’abitazione di quest’ultimo, consentiva ai Carabinieri di rinvenire a casa dell’indagato ulteriore documentazione attestante che lo stesso, in passato, aveva sottratto all’anziano anche la carta bancomat ed aveva eseguito illeciti prelievi per quasi 2000 euro ai danni dell’ignaro vecchietto, che aveva sempre considerato quest’ultimo un uomo di fiducia.

L’arrestato, come disposto dall’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Patti, Andrea La Spada, su richiesta del Sost. Proc. Giorgia Orlando, che ha diretto e coordinato le indagini dei Carabinieri di Falcone, è stato portato agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Per la risoluzione del caso, decisivo è stato il sostegno della FAI – Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiana e in particolare dell’A.C.I.O. (Associazione commercianti e imprenditori orlandini) di Capo d’Orlando presso la quale si è rivolta la figlia dell’anziano derubato ed estorto. L’Associazione non soltanto l’ha aiutata a rivolgersi ai Carabinieri ma fornirà anche assistenza legale nel corso del processo che seguirà.