Incontro tra il sottosegretario De Vincenti il presidente Oliverio e i sindacati sul Porto di Gioia Tauro

porto di gioia tauroIl sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei Ministri Claudio De Vincenti ed il presidente della Regione Mario Oliverio, hanno incontrato, nella sede della Cittadella,  i rappresentanti delle organizzazioni sindacali per affrontare alcuni temi legati allo sviluppo del porto di Gioia Tauro. Hanno Partecipato all’incontro – informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta – i  segretari generali confederali Paolo Tramonti (Cisl) e Santo Biondo (Uil), Raffaele Mammoliti per la Cgil; i segretari della federazione trasporti Annibale Fiorenza (Cisl), Nino Costantini (Cgil), Giuseppe Rizzo (Uil), Francesco Cozzucoli (Ugl); Carmelo Cozza (Sul). Presente anche la deputata Stefania Covello. Nello specifico si è discusso di interventi per il rafforzamento e lo sviluppo della competitività del sistema portuale, retroportuale, logistico e produttivo di Gioia Tauro, finalizzati all’attrazione di nuovi investimenti  ed al sostegno dell’occupazione. Il presidente Oliverio, dopo aver ringraziato il sottosegretario De Vincenti per aver colto l’occasione di confrontarsi con i sindacati sul porto di Gioia Tauro, ha fatto il punto sulle questioni legate al rilancio della struttura portuale cominciando dall’Accordo di programma quadro “che prevede – ha detto – piani di interventi per il rilancio e lo sviluppo industriale del porto e dell’area intorno al porto, anche allo scopo  di attrarre nuove imprese nell’area e di sostenere l’attuale occupazione e il reimpiego dei lavoratori”.

Il presidente ha poi ricordato l’impegno della presidenza del Consiglio a presentatare un ddl sulle Zes (Zona economica speciale) a Bruxselles entro fine 20016. “In tal senso – ha spiegato Oliverio -, partendo proprio dal testo già approvato in Consiglio regionale nel 2015, è stata elaborata un nuova versione di Zes che prevede incentivi per la realizzazione degli investimenti iniziali, disponibilità di infrastrutture, canone di locazione ridotti, agevolazioni ed esenzioni fiscali e la costituzione di uno sportello unico per la semplificazione amministrativa”. Oliverio si è anche soffermato sull’istituzione dell’Agenzia di lavoro a sostegno dell’occupazione inserita nella legge di bilancio 2017 che, non essendo stata approvata dalla Presidenza della commissione bilancio, ora è in discussione al Senato. “La norma – ha evidenziato il presidente della Regione – stabilisce che nei porti che svolgano attività di transhipment e che siano interessati da persistenti stati di crisi aziendale possa essere istituita un’Agenzia per la somministrazione del lavoro in porto e per la riqualificazione professionale e, quindi, per l’inserimento  in tre anni dei  lavoratori in esubero.  Il porto per noi è un’infrastruttura che rappresenta una fonte di sviluppo che ha un valore strategico per la Calabria, per l’Italia e, aggiungo, per l’Europa”. I sindacati, grati al presidente Oliverio per aver consentito il confronto diretto con il sottosegretario De Vincenti, hanno rappresentato l’importanza di velocizzare i tempi sui temi affrontati, ed hanno chiesto al sottosegretario certezza sulla copertura finanziaria, sul reinseriemto dei lavoratori al termine dei tre anni e  di sapere cosa succederà se il Senato non dovesse approvare l’emendamento. De vincenti nel concludere l’incontro, dopo aver rimarcato l’impegno del presidente Oliverio per il porto di Gioia Tauro, si è dichiarato ottimista al 90 per cento sull’approvazione in Senato dell’emendamento ed ha precisato che è stata tracciata una corsia preferenziale per la Zes nel Patto Calabria. “Voglio comunque assicurare – ha aggiunto – che io, insieme al ministro Graziano Delrio, al Governo e al presidente Oliverio, seguiremo fino in fondo tutta la vicenda. In caso contrario  vi chiederei di riverderci a Roma per valutare come far partire l’Agenzia. Per quanto riguarda la copertura, si fa una previsione di accompagnamento alla norma che dice che c’è un’Agenzia che dura tre anni, che prende in cario 900 lavoratori che poi vanno ricollocati. Dopodichè se le ipotesi sono sbagliate si apporteranno dei correttivi. A conforto di quanto sto dicendo – ha concluso il sottosegretario De Vincenti – vi ricordo che l’Agenzia va ad incidere sul fondo occupazione del ministero del lavoro”.