Incontro sul Por Calabria 2014/20120 tra Regione, Unindustria e Sindacati

regione calabriaIl Presidente della Regione Mario Oliverio ha presieduto oggi, nella sede della Cittadella, un Tavolo operativo – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta sull’attuazione del Por Calabria 2014/20120. Vi hanno partecipato gli assessori alle infrastrutture Roberto Musmanno, alla Logistica e al sistema portuale di Gioia Tauro Francesco Russo, i rappresentanti sindacali ed Unindustria. “Oggi – ha detto il Presidente Oliverio nell’introdurre l’incontro – mettiamo in atto un lavoro che abbiamo avviato in questi mesi e che ci consente di chiudere alcuni bandi e di facilitarne l’accesso attraverso un avanzato sistema di digitalitzzazione. Partiamo, dunque, con la seconda fase di un’impostazione che ha visto la partecipazione del partenariato attraverso un concorso attivo di responsabilità e sollecitazioni”. Le attività  del Por, che comprendono quattordici  Assi prioritari finanziati dal Fesr e dal Fse con un impegno di spesa complessiva di 2,4 miliardi di euro, sono state illustrate nel dettaglio dal Dirigente generale del Dipartimento “Programmazione nazionale e comunitaria” Paolo Praticò: “Abbiamo introdotto –ha detto – importanti novità nelle modalità di gestione e coordinamento del Por 2014/2020 secondo gli indirizzi delineati nel Piano di Rafforzamento Amministrativo (Pra) definito dalla Giunta per migliorare l’efficacia del programma”. Tra le misure più importanti, la digitalizzazione delle procedure che consente di gestire i bandi per le imprese completamente “on line” e riduce significativamente i tempi della valutazione delle domande. Altro aspetto rilevante, la scelta della Giunta di attuare parte del programma tramite Piani di Azione, al fine di dare evidenza a tutti dei risultati attesi, dei tempi di attuazione, delle strutture responsabili delle singole azioni. La strategia di comunicazione rafforza questa impostazione e rappresenta un tassello fondamentale  per favorire il massimo accesso alle opportunità del programma e consentire ai cittadini di verificare il raggiungimento dei risultati, riducendo così le distanze tra le istituzioni pubbliche e la società civile. In particolare, la strategia è volta a costruire un dialogo continuo e concreto con i beneficiari, il partenariato e gli stakeholders. Il confronto sullo stato di attuazione del programma si è sviluppato attraverso l’analisi delle misure avviate e delle misure che saranno attivate entro il primo trimestre 2017 in ciascun asse prioritario: sostegno alle imprese per l’innovazione e la competitività, completamento dei grandi interventi infrastrutturali, selezione dei nuovi interventi in materia ambientale. La Regione ha annunciato che nelle prossime settimane partiranno diversi nuovi bandi: misure per il potenziamento delle infrastrutture portuali, raccolta differenziata, pubblica illuminazione e risparmio energetico degli edifici pubblici per i comuni, intervenenti per l’adeguamento sismico egli edifici scolastici, misure per l’occupazione, misure dell’inclusione. Queste ultime saranno realizzate, soprattutto, nell’ambito delle politiche territoriali delle aree interne e delle aree urbane. L’Autorità di gestione Psr “014/2010  Alessandro Zanfino è, invece, entrato nel merito del Programma di sviluppo rurale. “La dotazione finanziaria, di 1 miliardo e 103 milioni di euro, ha attivato quindici misure. Si articola   in sei priorità riconducibili all’obiettivo fondamentale del miglioramento della competitività del sistema agricolo, della gestione sostenibile dell’ambiente e della mitigazione dei cambiamenti climatici, della crescita territoriale equilibrata e del miglioramento delle condizioni di vita nelle aree rurali. Grande attenzione è stata posta sulle aree interne e svantaggiate, con una nuova politica di valorizzazione delle montagne e delle foreste. Particolare importanza al sostegno al ricambio generazionale in agricoltura. Ad oggi sono stati messi a bando 342.750.000 euro per un totale di 13 bandi emanati”. Il Direttore di Unindustria Calabria Rosario Branda ha manifestato la necessità di coniugare interventi strutturali e congiunturali allo scopo di mettere in moto la microeconomia che è quella che fa rinascere anche la fiducia nel futuro. I segretari regionali del sindacato, Santo Biondo (Uil),  Paolo Tramonti (Cisl), Angelo Sposato (Cgil), Antonio Giglio (Ugl) ed i rappresentanti sindacali di categoria, hanno parlato di  una riunione positiva che dimostra la concretezza dei bandi Por messi in campo ed hanno chiesto di avviare, oltra a quelli gia in atto, altri  Tavoli tematici per velocizzare gli interventi andando ad incidire efficaciemente su lavoro, occupazione e sviluppo. In tal senso è stato deciso che saranno convocati altri  Tavoli su infrastrutture e trasporti, su agroalimentare e forestazione e sul lavoro e politiche attive e  sociali.