Fallimento Fc Messina, condannati gli ex vertici della società accusati di bancarotta fraudolenta

Condannato, nell’ambito del processo scaturito dal fallimento dell’Fc Messina calcio nel 2008, i vertici della società del tempo: Vincenzo e Pietro Franza, Francesco Cambria, presidente della Cofimer

FRANCESCO SAYA/LAPRESSE

FRANCESCO SAYA/LAPRESSE

Il Tribunale di Messina ha condannato, nell’ambito del processo scaturito dal fallimento dell’Fc Messina calcio nel 2008, i vertici della societa’ del tempo: Vincenzo e Pietro Franza, Francesco Cambria, presidente della Cofimer. Sono accusati di bancarotta fraudolenta e false comunicazioni sociali. Vincenzo Franza e’ stato condannato a 4 anni e sei mesi, il fratello Pietro a 4 anni, Cambria a 3 anni e sei mesi. I due fratelli Franza e Cambria sono stati condannati soltanto per tre delle accuse contestate, assolti pienamente dagli altri capi di imputazione. Assolti, perche’ il fatto non costituisce reato, i sindaci Stefano Galletti e Carmelo Cutri’, ma anche il presidente del collegio sindacale, Domenico Santamaura. L’indagine della guardia di finanza ha riguardato la gestione della societa’ giallorossa e la decisione di non iscrivere l’Fc Messina al campionato di Serie B 2008/2009.