E’ morto l’oncologo Umberto Veronesi, aveva 90 anni [FOTO]

L’oncologo di fama mondiale, Umberto Veronesi, si è spento questa sera all’età di 90 anni

LaPresse

LaPresse

Questa sera nella sua casa di Milano si è spento l’oncologo di fama mondiale, Umberto Veronesi. L’oncologo avrebbe compiuto 91 anni a giorni e precisamente il 28 novembre. Veronesi fu fondatore e alla guida fino all’ultimo della Fondazione che porta il suo nome divenuta negli anni punto di riferimento per la cura dei tumori a livello internazionale, si era laureato in medicina nel 1950,entrando subito dopo all’Istituto dei Tumori. Era stato ministro della Salute fra il 2000 e il 2001.

LA SUA VITA:
E’ nato a Milano il 28 novembre 1925, si e’ laureato in medicina e chirurgia all’universita’ statale di Milano nel 1952 e dopo alcuni soggiorni all’estero e’ entrato all’Istituto nazionale dei tumori come volontario, diventandone direttore generale nel 1975. Nel 1965 ha partecipato alla fondazione dell’Associazione italiana ricerca sul cancro (Airc) e ha fondato nel 1982 la scuola europea di oncologia. E’ stato anche socio fondatore dell’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom). Tra i suoi numerosi incarichi, anche quello di presidente dell’Organizzazione europea per la ricerca e la cura del cancro dal 1985 al 1988. Nel 1991 ha fondato, diventandone direttore scientifico, l’Istituto europeo di oncologia (Ieo). Nel 2003 e’ stata anche istituita la Fondazione Umberto Veronesi. Numerosissimi i suoi studi relativi soprattutto al cancro al seno: Veronesi e’ infatti stato il primo a promuovere il rivoluzionario approccio della cosiddetta chirurgia conservativa per la cura dei tumori mammari, dimostrando come la tecnica della quadrantectomia garantisse livelli di sopravvivenza alle pazienti, purche’ abbinata alla radioterapia, analoghi a quelli ottenuti con l’intervento piu’ invasivo di asportazione della mammella, la mastectomia

LaPresse
LaPresse
LaPresse
LaPresse