Cosenza: la scultura di Alarico sul cavallo è già un’attrazione turistico-culturale

scultura-alarico-1Adesso Alarico, in piedi sul suo cavallo, guarda alla confluenza dei fiumi dove la leggenda lo vuole sepolto insieme al suo incommensurabile tesoro. E i cosentini e i visitatori guardano lui attraverso la scultura dell’artista Paolo Grassino, scultura che è stata inaugurata questa mattina e che già rappresenta un suggestivo passaggio turistico per scattare foto e rimembrarne Mito e Storia. Nella diffusa emozione di un battesimo baciato da un caldissimo sole di novembre, non si è trattato però di una semplice cerimonia inaugurale. Oggi, la scopertura della statua dedicata ad Alarico, si è rivelata perlopiù un evento per l’intera città di Cosenza. Lo spiazzo alla confluenza dei fiumi, al centro degli antichi conventi medievali, tra San Domenico e San Francesco di Paola, si presentava gremito di pubblico, autorità civili, militari e religiose, dei Sindaci dell’area urbana e di numerosi Amministratori di palazzo dei Bruzi e dei Comuni della Provincia, di Associazioni culturali e, naturalmente, del Comitato tecnico-scientifico fondato proprio per favorire gli studi e i progetti su Alarico, voluto fortemente dal sindaco Mario Occhiuto a suggellare, fra tante altre iniziative, la sua idea visionaria incentrata sulla ricerca del tesoro quale volano turistico per il territorio. Quasi commosso per un momento che, attraverso questa pregevole opera visiva segna una tappa importante nell’ambito di un percorso più ampio, il primo cittadino ha esordito nel suo intervento sottolineando l’intento di costruire e mai di dividere. “Non siamo qui – ha detto Occhiuto – per celebrare un personaggio che alcuni considerano un guerriero sanguinario. Siamo qui per promuovere ulteriormente lo sviluppo della città e la sua attuale candidatura a Capitale della Cultura 2018. La Storia si racconta, la Storia non si nasconde”. Dopo una breve premessa sui cenni bibliografici, ripresi anche dal presidente della Fondazione Carical Mario Bozzo che ha finanziato l’opera (“Siamo orgogliosi di aver dato il nostro contributo in questa circostanza perché tutto – ha detto Bozzo – parte dalla conoscenza”), Occhiuto si è soffermato sulla valenza di posizionare una scultura dedicata ad Alarico alla confluenza dei fiumi Crati e Busento: “Questo evento – ha dichiarato il Sindaco ringraziando i presenti – consolida una modalità di storytelling del territorio che sta alimentando un nuovo turismo per Cosenza. Serve a raccontare una storia e ad impiegarla come strategia di comunicazione persuasiva. Risponde al tentativo di aumentare le presenze in città portando maggiore ricchezza per il territorio, più occupazione e più posti di lavoro per i giovani”.

Mario Occhiuto, inoltre, dopo aver ricordato che la città di Cosenza è al momento al terzo posto in Calabria per presenze turistiche, ha approfittato della partecipazione alla manifestazione del sottosegretario al MiBact Dorina Bianchi al fine di sollecitare al Governo un’azione propulsiva a sostegno alla candidatura del capoluogo bruzio quale prossima Capitale italiana della Cultura. La richiesta ha trovato subito una sponda favorevole. “Le luci su Cosenza sono accese – ha sottolineato Dorina Bianchi – Anche l’evento di è oggi è un tassello di un percorso importante in cui la Calabria ed il Sud devono essere più protagonisti, consapevoli delle straordinarie bellezze culturali che custodiscono”. L’alta rappresentante del Ministero, ha manifestato molto interesse per la figura del re dei Goti e la fascinazione della leggenda che tale figura si porta dietro: “Alarico ha una storia ricca di fascino, e in virtù di questo deve innescare un meccanismo di valorizzazione e promozione turistica non solo della città di Cosenza – ha ribadito Dorina Bianchi – ma dell’intero hinterland, attraverso una rete di percorsi turistici che guardino alle variegate peculiarità che questo territorio ha da offrire. La ricerca della tomba di Alarico è un’indagine complessa che deve diventare un progetto sperimentale e innovativo per l’analisi capillare del territorio e per mettere a sistema connessioni tra paesaggio e archeologia. Un progetto di ricerca che deve privilegiare – ha concluso – il nostro know-how e guardare alle competenze espresse dalla vicina Università della Calabria, dove ci sono studiosi riconosciuti a livello nazionale e tecnologie all’avanguardia nel campo”. L’appuntamento ha visto pure l’intervento del Prefetto della Provincia di Cosenza, Gianfranco Tomao, che portando il suo saluto istituzionale si è soffermato in particolare sull’immaginario che rievoca l’antica figura del re dei Goti. Era presente anche Marina Mattei, curatrice archeologa dei Musei capitolini di Roma e sponsor della prima ora del progetto culturale del sindaco Occhiuto (se ne ricorda ad esempio un’intervista sul tema rilasciata alla trasmissione televisiva “Voyager” nella puntata dedicata ad Alarico). E questa mattina c’era, naturalmente, l’artista che ha realizzato la scultura bronzea finanziata dalla Fondazione Carical, Paolo Grassino. Per lui, timido e riservato, ha parlato l’opera stessa. Quindi la lettura della sua sinossi di presentazione alla statua e di conseguenza via il telo: applausi e pose a ricordo. Alarico e il suo cavallo da oggi stanno sulle rive del fiume, alle confluenze, a beneficio di tutto ciò che evocano. Già questo, nel segno “vivo” e visivo di una scultura, rappresenta di per sé un “tesoro” che è attrazione turistica e culturale.