Cittanova (Rc): 2000 studenti in piazza alla manifestazione promossa dalla federazione degli studenti

manifestazione-1Il 17 novembre, in occasione della giornata internazionale dello studente, si è svolta a Cittanova la manifestazione provinciale degli studenti, promossa dalla Federazione degli Studenti e dai rappresentanti degli studenti delle scuole reggine. In piazza, ieri mattina, numerosi gli studenti ed i giovani accorsi da tutta la provincia con diversi pullman, che hanno attraversato i luoghi simbolo della città con striscioni, bandiere, per poi concludere a piazza San Rocco con un’assemblea pubblica studentesca e con un concerto delle varie band. Ormai, come da tradizione, ad organizzare l’evento sono i rappresentanti degli studenti dell’istituto V. Gerace con la partecipazione dei rappresentanti delle scuole della provincia e della Federazione degli Studenti. Si ritengono più che soddisfatti, il rappresentante degli studenti Leopoldo Prestileo, Alex Tripodi coordinatore regionale della Federazione degli Studenti e rappresentante della commissione delle Politiche Giovanili al comune di Reggio Calabria che insieme al presidente della consulta provinciale degli studenti Francesco Nicolò , per quella che ritengono “una straordinaria partecipazione” , visto la mobilitazione di oltre 2000 gli studenti reggini che si sono recati nel cuore della piana di Gioia Tauro per dire la loro.

Ad animare l’assemblea pubblicmanifestazione-2a degli studenti sono stati diversi interventi, tra cui quello del coordinatore della rete degli studenti Antonino Vazzana che in pubblica piazza ha dichiarato : “in un mondo sempre più in crisi dal punto di vista sociale, economico e morale sarà fondamentale immaginare un nuovo modello di diritto allo studio per garantire a tutti gli studenti uguali diritti ed opportunità. Definirei la “Buona Scuola” un buon provvedimento – prosegue Vazzana – ma insufficiente. Servirà da subito – dichiara Francesco Nicolò – emanare una legge nazionale per il Diritto allo studio, che dia pari dignità e diritti a tutti gli studenti da Nord a Sud. Poi le considerazioni del coordinatore della piana dei Giovani Democratici, Giuseppe De Caria che afferma “questa mobilitazione studentesca è il segnale che la piana di Gioia Tauro se supportata da investimenti veri in conoscenza e ricerca può divenire la culla culturale del mediterraneo e la locomotiva del mezzogiorno, bisogna crederci.” Infine conclude Alex Tripodi “servirà attivare da subito un interlocuzione vera con i vari livelli istituzionali per confrontarsi su temi importanti e fondamentali come il diritto allo studio, l’edilizia scolastica e le opportunità di formazione e occupazionali per le giovani generazioni. Chiederò al più presto agli altri membri della commissione politiche giovanili al comune di Reggio Calabria e al delegato regionale sul tema di costruire un appuntamento di riflessione, confronto e approfondimento”.