“Cambiamo Messina dal Basso” aderisce a “Non una di meno” contro la violenza sulle donne

Il gruppo Cambiamo Messina dal Basso aderisce a “Non una di meno” la manifestazione contro la violenza sulle donne

nonunadimenoIl gruppo Pari Opportunità del movimento Cambiamo Messina dal Basso aderisce a NON UNA DI MENO, la manifestazione nazionale contro la violenza sulle donne che si terrà il 26 novembre a Roma e ai tavoli di lavoro del 27. Il quadro della violenza sulle donne nel nostro Paese appare ogni giorno più complesso, 103 femminicidi nel 2016 (http://www.corriere.it/cronache/speciali/2016/la-strage-delle-donne) e nell’ottanta percento dei casi il colpevole è il partner. Non passa, quindi, giorno senza che l’opinione pubblica si indigni e si commuova per un femminicidio, uno stupro, la stessa opinione pubblica che spesso afferma che lei “se l’è cercata”, “aveva comportamento compiacente”, “si vestiva in modo troppo appariscente” mentre lui è stato colto dal “troppo amore”, da una “improvvisa gelosia”, che “l’amava”. L’attenzione dei media, spesso morbosa e spettacolarizzante.
In tutto ciò il fenomeno della violenza contro le donne e del femminicidio da anni viene trattato con piani nazionali emergenziali e securitari che non agiscono sulle radici del problema.
Per questo le donne di Non Una Di Meno si danno l’obiettivo di redigere un Piano femminista contro la violenza di genere, su cui si inizierà a lavorare in assemblea il 27 novembre, perché le cause della violenza hanno dei nomi ben precisi: patriarcato, capitalismo, eterosessismo, razzismo e si può abbattere solo agendo in maniera strutturale.
Il 26 novembre saremo in piazza insieme a tante donne, speriamo anche tanti uomini, contro la violenza di genere, per sostenere le donne dei centri antiviolenza senza fondi o che vengono chiusi, per tornare a riaffermare l’autodeterminazione delle donne su lavoro, salute, affettività, diritti, spazi sociali e politici per far ripartire una nuova mobilitazione femminista delle donne italiane.