Apertura Cardiochirurgia a Reggio Calabria, Romeo: “promessa mantenuta da Oliverio”

sebi romeo“Dopo anni di vane promesse, apre le porte ai pazienti calabresi, grazie al presidente Mario Oliverio, il “Centro Cuore” di Reggio Calabria. Una nuova realtà, dotata dei più moderni e sofisticati sistemi tecnologici, strumentali ed impiantistici, che punta ad abbattere l’elevata mortalità della popolazione regionale per patologie cardiovascolari, migliorare la qualità della vita dei pazienti cronici e ridurre al massimo la migrazione sanitaria legata alle patologie del cuore. Sarebbe stato in funzione da anni, almeno fin dal suo collaudo, nel dicembre del 2011, se solo in quegli anni si fossero previsti i fondi necessari per il personale e le relative procedure concorsuali. Ma così non fu. Il quotidiano nazionale la Repubblica lo definì “un monumento all’inefficienza” quando, nel febbraio del 2015, la Guardia di Finanza ne segnalò lo spreco alla Corte dei Conti, ipotizzando un danno erariale per circa 40 milioni di euro. In quei giorni, il presidente Oliverio, insediatosi alla guida della nostra regione un paio di mesi prima, visitò questa eccellenza calabrese e diede immediato impulso all’iter di attivazione della struttura cardiochirurgica, affidandolo al dott. Frank Benedetto, nominato da lì a poco commissario del presidio ospedaliero che ospita il reparto, il “Bianchi-Melacrino-Morelli”. In quell’occasione, Mario Oliverio constatò anche la presenza di una PET, importante strumento di diagnostica tumorale di ultima generazione, inutilizzata per carenza di personale, mentre migliaia di calabresi erano costretti a lunghe liste di attesa, nell’unica struttura operativa in Calabria”, è quanto scrive in una nota Sebi Romeo, capogruppo del Partito Democratico in Consiglio regionale.

“Grazie al suo impegno -prosegue- dopo pochissimi mesi, la PET degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria fu resa fruibile. Partì da quel risultato il percorso che ci porta oggi ad inaugurare, oltre alla Cardiochirurgia, la Neonatologia, complanare al reparto di Ginecologia ed Ostetricia; il nuovo Pronto Soccorso, ristrutturato e potenziato; la chirurgia robotica nel Blocco Operatorio, di cui quella reggina è la prima azienda ospedaliera calabrese a dotarsene; il polo Onco-Ematologico e la Chirurgia Toracica. Tutte strutture da anni in attesa di essere realizzate o attivate e delle quali Mario Oliverio, in questi mesi, ne ha seguito personalmente gli stati di avanzamento, intervenendo laddove è servito pur di portare a compimento il completamento delle opere e rispondendo agli impegni presi con i cittadini, nonostante il disastroso commissariamento, ancora in corso, della sanità regionale. Segni tangibili di attenzione, credibilità e concretezza da parte di questa classe politica regionale ad un territorio assetato di risposte. Un lavoro arduo, ma su cui procediamo spediti, per rimettere la Calabria al passo con le altre regioni italiane e per offrire ai calabresi la tutela di diritti per troppo tempo violati e messi in second’ordine. Al presidente Oliverio va il mio ennesimo ringraziamento per la lungimiranza e la costante attenzione che pone ai problemi del nostro territorio ed alle esigenze dei cittadini. Continuiamo a lavorare per una Calabria dei diritti”, conclude