Ancora un uccello rapace abbattuto a Reggio Calabria

poiana-cittanovaContinua la strage silenziosa degli uccelli protetti sul versante calabrese dello stretto di Messina. Anche questa volta ad essere abbattuto dai bracconieri è stato un giovane esemplare di Poiana, un uccello particolarmente protetto dalla legge che si nutre di piccoli roditori. E’ stata colpita da una fucilata nel comune di Cittanova e qui trovata agonizzante dal proprietario di un terreno agricolo. Questi l’ha consegnata alle guardie volontarie dell’A.N.P.A.N.A., Comando di Cittanova e successivamente affidata al CABS per l’inoltro al CRAS di Messina. Nonostante le gravissime condizioni si spera si possa recuperare al volo grazie alle immediate cure cui è stata sottoposta dal Dr. Fabio Grosso, Veterinario del CRAS. Il CABS sottolinea l’inciviltà di coloro che continuano a sparare a questi animali. Ma evidenzia pure l’insufficienza dei controlli in moltissime aree del territorio. Se i controlli fossero più seri questi atti non si verificherebbero o quanto meno sarebbero meno frequenti ed impuniti. Cittanova, ad esempio, territorio di fondamentale importanza per lo svernamento dei tordi, è totalmente priva di controlli efficaci. “In un Paese che si volesse definire serio la caccia sarebbe già stata sospesa da tempo per lo straripante numero di casi di bracconaggio”.