A Reggio Calabria iniziativa con il prof. Pasquale Amato

il-professor-amato-con-il-gruppo-delle-insegnantiContinua il ciclo degli appuntamenti con lo scrittore alla scuola primaria “Telesio”. Ospite di questa seconda tornata il docente universitario della facoltà di Scienze politiche di Messina, il professore Pasquale Amato, col suo libro: “La storia del bergamotto di Reggio Calabria”. L’evento promosso dalla docente Fortunella Tramontana, in sinergia con la dirigente scolastica, Marisa Maisano, e la responsabile del plesso, Rina Topputi, è stato un vero successo grazie alla fattiva partecipazione di tutti docenti e al coinvolgimento degli alunni. Si è trattato di un mini-seminario dove il bergamotto è stato il protagonista assoluto. La conduzione magistrale del gioviale professore ha trasformato l’evento in un vero e proprio viaggio nel sapere in cui con parole semplici e a “misura di bambino” ha saputo dare risposte esaustive alle incalzanti e numerose domande poste dagli alunni, molto presi dalla tematica. Dopo gli iniziali saluti dei docenti e di tutta la scolaresca, degnamente rappresentata per l’occasione da “mister Bergamotto” e “miss Bergamotta”, due alunni delle classi quinte eletti per l’occasione, Amato con la sua proverbiale ecletticità ha calamitato per ben due ore l’attenzione dei piccoli alunni e svestendosi delle vesti di cattedratico si è calato nei loro panni, snocciolando non solo le parti essenziali del suo libro, ma rendendo fruibili tutte le informazioni che è possibile sapere sul “principe degli agrumi”, da lui definito così per la molteplicità dei suoi usi che spaziano dal campo enogastronomico a quello cosmetico e farmacologico. Docenti ed alunni hanno così appreso preziose notizie con questo appassionato excursus, volto principalmente alla sensibilizzazione della scoperta delle radici, dell’identità sociale. Il bergamotto è un frutto speciale e fa parte integrante della storia reggina, non è un caso che attecchisca così bene solo nel tratto di costa che va da Scilla a Monasterace, grazie alle condizioni climatiche e alla composizione del terreno. Solo a Reggio Calabria la produzione raggiunge il limite massimo delle componenti chimiche, quasi 350, mentre altrove le soglie sono minime. Alla fine di questo singolare evento, il professore Amato ha invitato gli alunni, essendo le leve del futuro, a rivendicare la denominazione reggina come marchio di tutti i prodotti che vengono realizzati con questo agrume, considerato il “dono speciale” di Reggio Calabria, capace da secoli di inebriare con le sue fragranze il mondo intero. Infine, gli alunni hanno voluto omaggiare questo “speciale ospite” sia con una pergamena con su scritta l’ode da loro ideata sul bergamotto sia con due alberi in carta, quest’ultimi per sottolineare l’impegno e la cura che dedicheranno agli alberi di bergamotto che verranno messi a dimora nel giardino della scuola Telesio il prossimo 21 Novembre.

Angelina Stillisano