Venerdì 14 ottobre esce l’album d’esordio “Monte Cuccio n°5″ al Mob di Palermo

Venerdì 14 ottobre esce l’album d’esordio  “Monte Cuccio n°5″ al Mob di Palermo”: un mix di blues, funk e musica brasiliana

 senhor-mutrio-foto1“Monte Cuccio n°5” è l’album d’esordio, in uscita venerdì 14 ottobre, del Senhor Mutrìotrio palermitano composto da Samuele Spilla (voce, chitarre, armonica), Antonio Mancino (basso, cori) e Dario La Neve (batteria, percussioni, cori). Il disco verrà presentato con un concerto sabato 15 ottobre al Mob di Palermo (Via S. Lorenzo, 273, ore 21:30 – ingresso 3,00 euro). “Monte Cuccio n°5” unisce al blues e al funk le sonorità sudamericane ed esplora i molti significati del termine viaggio, come racconta il trio: “Viaggi che uniscono o separano, via mare, in treno o in mezzo all’erba come una formica, gravosi o distensivi, che durano troppo o troppo poco. Viaggi nel tempo o nel ricordo, che siano il percorso o che siano la metaDi occhi che non si distolgono. Di guerre quotidiane, rifugi e arsenali di armi a corda e a percussione. Di amore, inquieto, conquistato, fugace, robusto come un elefanteMonte Cuccio n°5 è anche una fotografia del luogo da cui siamo partiti e al quale apparteniamo come musicisti e come persone. È una piccolissima costruzione, parte di una grande città”. L’idea del nome, Senhor MuTrìo, trae ispirazione da uno splendido pezzo di Horace Silverinterpretato da Taj Mahal“Señor Blues”, capace di fondere al suo interno l’anima del progetto. Per il nome, a quel punto, ai componenti del trio è sembrata adatta la parola “mutrio”, termine siciliano difficilmente traducibile che parla di malinconia, un po’ come il “blues” inglese o la “saudade” brasiliana. Horace Silver e Taj Mahal sono inoltre tra le maggiori fonti d’ispirazione del trio insieme adAlbert Collins, Robert Cray, Mark Knopfler, musicisti brasiliani come Antonio Carlos Jobim e Baden Powell e cantautori come Fabrizio De André, Paolo Conte e Gianmaria Testa. Il disco, autoprodotto e composto da dieci tracce, un viaggio che parte da “L’isola”, “Dottoressa Formica”, “Enea”, “Sulla tua porta”, “Monte Cuccio n°5”, “Carovana”, “Viagem”, “Samba del Navigante”, “Volturna”, “La via in Blues”, “Mistreatin’ Baby” - bonus track), è stato registrato a Palermo da Sergio Ciulla presso il suo studio “CasaPalude”, in buona parte in presa diretta per esaltare l’indole live del trio. I pezzi sono stati missati dallo stesso Sergio Ciulla insieme al Senhor MuTrìo. Le sessioni di registrazione del disco hanno avuto come ospite il trombettista Samuele Davì e la veste grafica del disco è stata curata dal pittore e disegnatore Batawp (Giulio Rincione).