Università Calabria, creato impianti per la produzione della fibra ginestra

unical1-300x225“I gruppi di ricerca dell’Universita’ della Calabria, coordinati da Giuseppe Chidichimo, del dipartimento di Chimica e tecnologie chimiche, e da Guido Danieli del dipartimento di Ingegneria meccanica, energetica e gestionale, hanno completato la messa a punto di un piccolo impianto pilota per laproduzione automatizzata di fibra di ginestra, nell’ambito del progetto Matreco, finanziato dal ministero della Ricerca scientifica”. Lo comunica una nota del gruppo di lavoro sul Progetto ginestra. “L’impianto – spiega – funziona a ciclo chiuso e non produce rifiuti inquinanti ed e’ da sottolineare che e’ possibile utilizzare vari tipi di macerazione. L’impianto dimostratore e’ in grado di estrarre dai rami di ginestra circa 5 kg di fibra all’ora con un grado di pulizia molto elevato, ma la sua capacita’ produttiva potra’ essere aumentata con piccole implementazioni. L’obiettivo e’ ora quello di scalare l’impianto a livello industriale per produrre quantitativi di fibra molto superiori. Sono stati depositati piu’ brevetti per la difesa del know how acquisito, sia in riferimento all’impianto di sfibratura e sia per quanto riguarda l’impiego delle fibre estratte in piu’ settori industriali. Un filmato sul funzionamento dell’impianto e’ stato gia’ presentato in fase di rendicontazione al ministero della Ricerca scientifica. I progetti con finanziamenti pubblici sono stati ultimati il 31 dicembre 2015, ma l’Universita’ sta continuando comunque ad attivare rapporti con grandi gruppi e piccole e medie imprese calabresi per il trasferimento tecnologico di questi risultati di ricerca e presentare nuove proposte di progetto. Manifestazioni di interesse per un ulteriore sviluppo della filiera della ginestra e per poter tenere in funzione e scalare l’impianto sono state presentate anche al cluster nazionale ‘Chimica verde’, oltre che a vari soggetti pubblici europei, nazionali e regionali. Da sottolineare che – conclude il comunicato – in settembre la rivista ‘Compositi’, dell’associazione italiana delle imprese che operano nel campo dei materiali compositi, ha pubblicato un articolo sul progetto ginestra”.