Squadra antimafia 8, venerdì 21 ottobre la settima puntata

squadra-antimafia-8Tari Romeo – Nelle lunghe stagioni di Squadra Antimafia Valsecchi ci ha fatto vedere di tutto e ci ha preparato ad ogni sorpresa, ma il fatto che De Silva fosse figlio di Ulisse Mazzeo non l’avrebbe immaginato nemmeno lo spettatore più fantasioso. Ebbene sì, pare proprio sia così. Il boss sfugge alla morte uccidendo il suo sicario, del quale mutua l’identità e dopo aver lasciato il suo bimbo piccoletto alla caritatevoli cure delle suore, scappa; dopo decenni e varie peregrinazioni in giro per il mondo rientra in Sicilia per vendicare i torti subiti .De Silva, d’altra parte, è il personaggio sicuramente più contorto della fortunata fiction : c’è dappertutto e non si capisce bene come si muova tra interessi privati e intrighi mafioso-politici, tra i quali riesce a barcamenarsi salvandosi spesso per il rotto della cuffia e lastricando il suo passaggio con una serie infinita di assassinii. Anche lui emotivamente coinvolto nel rapporto con la figlia che vive in un paese lontano ignara degli affari sporchi del padre; padre e figlio hanno sicuramente in comune almeno due aspetti : il sentimento di affetto nei confronti della propria famiglia, che emerge e sottende come un filo conduttore la loro esistenza e la facilità di usare il grilletto con estrema fredda spregiudicatezza senza scrupoli di sorta. Accanto alle due brave Anna Cantalupo ( Daniela Marra ) e Rosalia Bertinelli ( Silvia D’Amico ), due altri agenti nuovi come Giano Settembrini (Davide Iacopini) e Carlo Nigro ( Giulio Berruti ), anche se animati da buone intenzioni, con le loro commistioni tra vita privata e professionale rendono difficile l’operato della Duomo, che conserva dalle stagioni precedenti pochi punti di riferimento, tra i quali è importante la figura del saggio Vito Sciuto ( Dino Abbrescia ). Piace ma non appassiona l’ottava stagione della Squadra , per la quale si sente l’usura del tempo. E mancano forse dettagli su Rosy Abate e Domenico Calcaterra, due personaggi chiave molto amati dal pubblico di questa fiction e sui quali persiste un pesante velo di mistero.