Sicilia: bimbi immigrati accolgono Mattarella e cantano l’Inno di Mameli [FOTO]

LaPresse/Guglielmo Mangiapane

LaPresse/Guglielmo Mangiapane

Sono stati i bambini delle comunità immigrate di Palermo ad accogliere stamani a Palazzo Reale il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in apertura della cerimonia di apposizione delle targhe dell’itinerario Unesco arabo-normanno. Sono stati loro, i bambini di tutto il mondo, a intonare l’Inno nazionale guidati dal maestro Salvatore Punturo. Insieme costituiscono il Coro arcobaleno del Teatro Massimo, composto da oltre trenta piccoli di tutte le etnie, dalla cinese alla senegalese, dalla bengalese ai tamil, dall’albanese alla peruviana. Il coro è nato lo scorso anno nel quadro delle iniziative della Fondazione lirica rivolte al territorio.
“Il Coro arcobaleno – spiega il sovrintendente del Teatro Massimo, Francesco Giambrone – non nasce soltanto per facilitare l’inserimento delle persone provenienti da altri luoghi e da altre esperienze in un contesto già dato, definito, ma è segno di quanto il Teatro vuole impegnarsi per cambiare insieme la realtà esistente. Palermo è una città dove tanti migranti arrivano, tra cui tanti minori non accompagnati, e dove tante comunità risiedono, ci sembra bello che l’Inno nazionale sia stato cantato proprio da questi bambini, a sottolineare che l’Italia è il Paese che li ha accolti”. Palermo ospita più di trentamila stranieri residenti di varia appartenenza religiosa con una fortissima presenza di musulmani (di almeno tre punti superiore alla percentuale nazionale), seconda comunità dopo la cristiana. In particolare a Palermo vivono due consistenti comunità straniere di immigrati extracomunitari che da sole assorbono oltre un terzo del totale degli stranieri: i bengalesi e i tamil. Seguono, quindi, rumeni, ghanesi, tunisini, filippini, marocchini, mauriziani, cinesi e americani.
“Un grandissimo abbraccio corale – dice il sindaco di Palermo e presidente della Fondazione Teatro Massimo -. Voglio esprimere a nome di tutta la città la mia gratitudine a questi bambini e al Teatro Massimo. Oggi ci hanno regalato una grandissima emozione che credo sia stata condivisa da tutti coloro che hanno assistito alla loro esibizione”. (AdnKronos)

LaPresse/Guglielmo Mangiapane
LaPresse/Guglielmo Mangiapane
LaPresse/Guglielmo Mangiapane
LaPresse/Guglielmo Mangiapane