Riapre a Reggio Calabria dopo la pausa estiva “L’Accademia del Tempo libero”

L’Accademia del Tempo Libero di Reggio Calabria riapre le porte ai soci e all’intera città dopo la pausa estiva con una serata inaugurale all’insegna della musica

2La serata inaugurale del 17esimo anno di attività della associazione è stata affidata alla Concert Band di Melicucco, diretta dal maestro Maurizio Managò. Un fantastico pomeriggio di musica al quale i soci non hanno voluto rinunciare, affollando l’auditorium Zanotti Bianco.

Come consolidata consuetudine la presidente Silavana Velonà ha salutato i soci, vecchi e nuovi: “Diamo il via a questo nuovo anno sociale con un bel pomeriggio di musica – sono state le parole di Velonà – per noi l’inaugurazione rappresenta un momento particolarmente importante durante il quale ci ritroviamo tutti assieme, vecchi e nuovi soci, pronti ad un anno di attività, musica, conversazioni, svago, viaggi. Il nostro intento resta sempre il medesimo, quello di creare un clima di famiglia, fatto di rispetto, senso di appartenenza e affetto, anche nella diversità di opinioni, e il direttivo è sempre impegnato in questo senso. Siamo un’associazione numerosa e rumorosa e siamo contenti di come siamo cresciuti negli anni. Mi rimproverano sempre di essere un’inguaribile sognatrice ma io rispondo – cosa sarebbe la vita senza sogni? Un deserto –. Auguro a tutti voi un buon anno sociale di serenità e anche di sogni… fatti e realizzati”.

Al fianco della Velonà il vicepresidente Celeste Giovannini: “Purtroppo non tutti abbiamo tantissimo tempo da dedicare, per come vorremmo, alle attività extralavorative ma, quel poco che abbiamo, lo usiamo bene, ci divertiamo, e lo facciamo come persone civili, impegnate. Lo facciamo per migliorare il clima della città, per creare momenti di cultura e di sano divertimento”.

Gradito ospite della serata Nicola Paris, Consigliere Comunale delegato ai grandi eventi, che ha portato i saluti dell’amministrazione di Palazzo San Giorgio.

Così, i 50 elementi della Concert Band di Melicucco hanno animato di suggestione e musica il palco dell’Auditorm di fronte a 300 soci.

Carmen (Prelude) di Geroge Bizzet

Nabucco (Sinfonia) di Giuseppe Verdi

Sketches for Flutes di Andrè Waignein

Pilatus: Mountain of Dragon di Steven Reineke

Il Pastore Svizzero di Pietro Morlacchi

Kepler 452b di Antonio Rossi

Amarcord di Nino Rota

Meditazio e di Lorenzo Pusceddu

Questo l’apprezzato programma della serata, realizzato con il prezioso apporto del Maestro Alessandro Carere, flauto solista.

E per concludere allegramente “un brano, un esperimento, ma anche regalo per tutti voi, come augurio per un anno sociale ricco di avvenimenti e di… concerti”, sono state le parole di Carere: variazioni sul famoso tema “Funiculì funiculà”.

Il Maestro Managò ha voluto ringraziare Domenico Scerra, presidente dell’Associazione Musicale di Melicucco, e il direttore Franco Palumbo presenti in sala.

La serata si è conclusa con il brindisi e la degustazione di dolci.