Reggio Calabria, manifestazione contro la violenza sulle donne. Vertice in Prefettura con Rosy Bindi

bindi-4Un vertice in Prefettura per fare il punto sulla vicenda delle violenze di gruppo subite da una tredicenne di Melito Porto Salvo. La presidente della commissione parlamentare antimafia Rosy Bindi, le componenti dell’organismo Enza Bruno Bossio e Celeste Costantino ed il prefetto Michele Di Bari, a conclusione, hanno incontrato i giornalisti. “Al di la’ della manifestazione di oggi, che ha rappresentato un’occasione di riflessione per gli studenti di tutta la Calabria- ha detto la presidente Bindi – abbiamo fatto il punto sulla vicenda di Melito Salvo assieme ai rappresentanti delle forze dell’ordine e della Procura della Repubblica. Ci siamo anche occupati, comunque, di minori e di violenza sulle donne perche’ come Commissione abbiamo tanti argomenti sui quali lavorare”. “Quello di Melito – ha aggiunto Rosy Bindi – e’ un caso importante. Abbiamo avuto uno scambio riservato su questo caso che riguarda una minore che non e’ ancora una donna. Una vicenda che e’ maturata in un contesto di forte condizionamento ‘ndranghetistico. L’indagine su questo caso e’ stata condotta dalla Procura della Repubblica di Reggio con particolare accuratezza, tanto da avere il vaglio del gip in tempi che secondo me sono stati particolarmente veloci“. “L’attenzione dello Stato continua”, ha aggiunto il prefetto Di Bari, che ha sottolineato anche “la necessita’ di distinguere tra cio’ che c’e’ di positivo e cio’ che c’e’ di negativo in un territorio. Le misure di prevenzione che abbiamo attivato nel territorio di Melito Porto Salvo riguardano tutti gli aspetti del vivere civile”.