Reggio Calabria, licenziata dipendente della Polizia Municipale: appello del sindacato a Sindaco e Giunta

polizia municipale“Ci è giunta notizia che sarebbe stato preso un provvedimento di licenziamento per una dipendente comunale assegnata al Comando di Polizia Municipale di Reggio Calabria. Tale voce è stata autorevolmente confermata da componenti di primo piano della Giunta Comunale reggina”. Lo afferma in una nota il Segretario Sul Reggio Calabria, Aldo Libri.

Dalle prime informazioni (e conferme) il provvedimento non sarebbe a seguito di gravissimi elementi contro la lavoratrice ma, in linea con l’abnorme produzione di contestazioni disciplinari nel Comando di Polizia Municipale (100 in pochissime settimane), riguarderebbe bazzecole formalistiche. Al Sindaco ed alla Giunta chiediamo di porre rimedio a queste incresciose situazioni che stanno determinando l’esplodere del malessere fra i componenti del corpo. Il SUL auspica che si voglia evitare la proliferazione di contenziosi giudiziari i quali, qualora le azioni dei dirigenti e degli amministratori venissero giudicate irregolari, produrrebbero un consistente danno alle casse comunali. A nostro parere tale possibile danno non può essere riversato sulla collettività ma va addebitato a chi lo ha prodotto con una condotta non consona a leggi e contratti.

La struttura sindacale confederale e di categoria e l’Ufficio Legale del SUL, sono pronti a rappresentare in ogni sede, anche giudiziaria, il diritto dei dipendenti comunali aggrediti da contestazioni e provvedimenti disciplinari, oltre ai diritti di coloro che soffrono dell’inerzia della Amministrazione Comunale per una molteplicità di problematiche.