Reggio Calabria, Caracciolo: “sono davvero necessarie le collaborazioni esterne del Comune?”

Mary Caracciolo esprime le sue perplessità relativamente alle collaborazioni esterne del Comune di Reggio Calabria

comuneDesta perplessità il nuovo incarico per sei mesi da 15.000 euro del Comune di Reggio Calabria per un professionista per supporto e affiancamento nelle attività di redazione del Piano Urbano del Traffico. Neanche due anni fa questa Amministrazione Comunale dichiarava che mai avrebbe utilizzato consulenti a pagamento: da cosa deriva allora questo evidente cambio di rotta? Senza voler minimamente affrontare il tema dell’importanza del PUT, la Città non può non chiedersi se il Comune avesse effettivamente necessità di reperire al di fuori delle proprie risorse umane la competenza oggetto dell’avviso pubblico e se soprattutto non potesse avvalersi della collaborazione scientifica delle Facoltà di Ingegneria e Architettura dell’Università Mediterranea presenti nella nostra Città. Si sarebbe trattata di una collaborazione tecnico-scientifica, basata su di un protocollo d’intesa, a favore del Comune messa a disposizione dall’Università, che avrebbe fornito non solo gli adeguati strumenti professionali, ma anche il prestigio indiscutibile delle nostre Facoltà, che hanno dimostrato nel tempo e con risultati importanti elevata caratura. Si sarebbe trattata di una collaborazione gratuita, che certamente avrebbe fatto felici le casse comunali, tanto provate negli ultimi tempi, in considerazione anche delle vicende riguardanti gli stipendi dei dipendenti comunali. Ancora più dubbi invece sorgono già ad una prima lettura superficiale dell’avviso pubblico, che non fa riferimento ad una modalità di reclutamento dettagliata: si tratta meramente dell’elencazione di taluni requisiti senza l’opportuna specificazione del punteggio assegnato per ogni requisito. Tanti dubbi e una sola domanda: era davvero necessario? L’auspicio è quello che si possano concludere sempre più spesso rapporti di collaborazione tecnico scientifica con l’Università, al fine di ridurre o eliminare del tutto l’utilizzo di collaborazioni esterne a pagamento”, conclude Mary Caracciolo consigliere Comunale di Forza Italia.