Reggio Calabria, Cannizzaro premia Cesare e Sottozero: “possiamo diventare la Capitale del gelato”

premiazione-cesare-e-sottozero-2

“Reggio Calabria vanta tante eccellenze che devono essere valorizzate e tutelate. Due reggini doc, i maestri Pennestrì e De Stefano, hanno fatto conoscere al mondo il nostro gelato per questo avvierò un’attività legislativa per tutelare questo nostro patrimonio”. E’ l’impegno preso dal consigliere regionale Francesco Cannizzaro che, questa mattina nella sala Levato di Palazzo Campanella, insieme all’assessore e consigliere Città Metropolitana Eduardo Lamberti Castronuovo, al consigliere comunale Mary Caracciolo e agli imprenditori Enzo Pennestrì neo presidente dell’Associazione italiana gelatieri e Davide De Stefano titolare della gelateria “Cesare” che, recentemente ha vinto il primo posto nel contest sul sito Gastronauta come “Migliore gelateria d’Italia”, ha lanciato anche l’idea di “far diventare la Calabria capitale del gelato in Italia”.

“Questa mattina non ci limiteremo a consegnare un riconoscimento al maestro De Stefano ma premieremo la sinergia tra imprenditori reggini che, nel tempo, hanno portato in alto il nome della città facendo conoscere al mondo i nostri prodotti di alta pasticceria – afferma il consigliere Cannizzaro – La Calabria non deve più essere macchiata e conosciuta solo per eventi negativi ma deve balzare a livello nazionale per le sue eccellenze, le sue qualità, i suoi prodotti artigianali e soprattutto, il suo saper fare squadra”.

Sulla stessa lunghezza d’onda i consiglieri Caracciolo e Castronuovo che propone una “guerra del gelato per far diventare Reggio la patria del gelato. Perché non pensiamo di fare in città il festival del gelato? – domanda Castronuovo ai due pasticceri – Lo offriremo a tutto il mondo perchè Reggio non si è fermata al nocciola o al pistacchio. Abbiamo tantissimi gusti creati da questi due signori che devono essere conosciuti. Dobbiamo portare in giro per il mondo l’emblema Reggio e non lo portiamo certo cambiando il nome del nosocomio chiamandolo Grande Ospedale perché rischiamo che gli ospedali del Nord, come il Fatebenefratelli, si chiamino Immensi ospedali. Grande è l’ospedale se hai i medici bravi, se ha un’organizzazione perfetta e una struttura adeguata”.

E se Davide De Stefano annuncia di “promuovere ancor di più insieme al collega Pennestrì, le eccellenze calabresi e quindi, il nostro gelato artigianale”, il neo presidente dell’Associazione italiana gelatieri prima di consegnare il premio al titolare del chiosco “Cesare” insieme al consigliere Cannizzaro fautore dell’iniziativa, promette “qualora dovesse passare la normativa che tutelerà il gelato di estenderla nel Paese. Faremo un lavoro sinergico coinvolgendo tutti gli operatori del settore – conclude Pennestrì – Il gelato deve diventare un distintivo per l’Italia che non deve essere ricordata solo per pizza e pasta”.