Reggio Calabria: appello per gli agenti della polizia penitenziaria del carcere di Arghillà

Carcere di ArghillàDomenico Mastrulli Segretario Generale Nazionale del Coordinamento Sindacale Penitenziario ha inviato una lettera al Direttore Generale del Personale e delle Risorse dottor Pietro BUFFA, al Sottosegretario di Stato alla Giustizia Onorevole Gennaro MIGLIORE, al Vice Capo Vicario del Dipartimento dottor Massimo DE PASCALIS, all’Ufficio delle Relazioni Sindacali DAP, Al provveditorato Regionale della Calabria dell’Amministrazione Penitenziaria CATANZARO, alla Direzione della Casa Circondariale di ARGHILLA’ REGGIO CALABRIA, alla Segreteria Regionale CO.S.P. della Calabria Signor LUIGI BARBERA, alla Segreteria Provinciale CO.S.P. Calabria presso Casa Circondariale ARGHILLA’ – PANZERA REGGIO CALABRIA in merito alla caserma degli agenti del carcere di Arghilla’ di Reggio Calabria riguardo l’indispensabile e indifferibile costruzione di una caserma che da tre anni costringe agenti e personale a dormire nelle celle a loro riservate.

OGGETTO: Caserma agenti corpo polizia penitenziaria e dipendenti amministrazione penitenziaria di sede ARGHILLA’ REGGIO CALABRIA.
Gentile Direttore Generale.
Faccio seguito alle innumerevoli doglianze rappresentate per qui dover sollecitare la cortese attenzione della VSI Direttore Generale affinché si sollecitino le pertinenti articolazioni e si proceda, a distanza di tre (3) anni dall’apertura della Casa Circondariale N.C. di Arghillà Reggio Calabria e all’assegnazione di oltre 100 dipendenti di Polizia, alla necessaria costruzione della Caserma Agenti per rendere maggiore umanità e dignità a chi in quella sede oggi è costretto a riposare nelle celle a loro destinate temporaneamente. Ad oggi, solo promesse campate in aria sarebbero state rivolte a riscontro delle sollecitazioni che i dipendenti di Polizia Penitenziaria e Comparto Ministeri più volte avrebbero rappresentato alla propria amministrazione senza mai ottenere il giusto canale di ascolto.