Reggio Calabria: 21 e 22 ottobre Luigi Berlinguer parlerà del ruolo della musica nell’educazione

luigiberlinguer“L’educazione musicale non solo sviluppa pensieri ed emozioni, potenzia le abilità linguistiche, migliora il rendimento generale nell’apprendimento, ma nel contempo educa i giovani al rispetto dell’altro e alla collaborazione tra diversi, con il riconoscimento dei principi della differenza e dell’eguaglianza. La crescita individuale e collettiva dei futuri cittadini si alimenta anche e soprattutto nell’esperienza del fare musica insieme, tutte e tutti. Praticare la musica richiede sempre impegno e continuità, sforzo e fatica, ma il risultato di questo lavoro dà gioia, emozione, soddisfazione per la propria crescita e concretizza il sapere musicale in pratiche culturalmente condivise”. Luigi Berlinguer sintetizza così il ruolo della musica nell’educazione, fornendo la bussola per comprendere gli obiettivi non solo del CNAPM, Comitato Nazionale per l’Apprendimento Pratico della Musica per tutti gli studenti, di cui è Presidente, ma anche del progetto MUSICA è SCUOLA, che si presenterà a Reggio Calabria venerdì 21 e sabato 22 ottobre.

2-mes-locandina“La scuola deve sostenere il diritto di tutti a sviluppare le potenzialità musicali di ciascuno e la relativa possibilità di crescere in una dimensione di interazione creativa e di curiosità verso ciò che è presente in se stessi e nell’altro”, spiega ancora Berlinguer, citando la Legge 107/15: “norma che sancisce l’ingresso dell’apprendimento pratico della musica a cominciare dalla scuola per l’infanzia e dalla scuola primaria. La musica entra così nel curricolo scolastico di tutti”. Un progetto ambizioso e di respiro nazionale, MUSICA è SCUOLA. Quattro scuole in rete: l’IC Jacopo Sanvitale-Fra Salimbene di Parma, l’IC Angelo Maria Ricci di Rieti, l’Educandato Statale San Benedetto di Montagnana (Padova), l’IC Falcomatà-Archi di Reggio Calabria. E proprio a Reggio Calabria oggi si insedia il gruppo di lavoro che svilupperà la ricerca, la sperimentazione, la formazione, e tutte le attività di studio capaci di garantire una ricaduta positiva della progettazione sul territorio. “Come dire che il Miur si sposta a Reggio” spiega la dirigente scolastica Serafina Corrado. E prosegue: “Da questo pomeriggio il Ministero avrà una postazione strategica proprio qui, nella nostra scuola. Valuteremo gli step per dare il via alla parte progettuale che segue al lavoro di progettazione.

Lo faremo, come amo dire, con un animo socratico: sappiamo di non sapere. Sappiamo che ciascuno di noi può portare un contributo importantissimo al progetto, ma al contempo ciascuno di noi deve crescere, formarsi, progredire in un settore sperimentale come quello dell’inserimento pratico della musica nel percorso didattico che ha come traguardi formativi la capacità di promuovere le diverse componenti intrinseche al fare musica: quella logica, quella percettivo-motoria e quella affettivo sociale. Accanto a questo primo obiettivo se ne aggiungono altri ugualmente importanti: includere, restituendo alla musica il valore di riappropriazione della cittadinanza. E noi proporremo di farlo riscoprendo il patrimonio culturale attraverso quello musicale: una sorta di percorso nella musica popolare tra valori e disvalori, per far riemergere il suo vero significato, che in questi ultimi decenni è stato soffocato”.
Domani al via la parte pubblica del progetto: il Foyer del Teatro Cilea ospiterà un intreccio tra musica e workshop formativo. Si parte venerdì 21 ottobre alle 19.30, con un concerto in omaggio a Francesco Cilea, nel 150° anniversario dalla sua nascita: la soprano Liliana Marzano, accompagnata al pianoforte dal maestro Andrea Calabrese, eseguiranno alcune arie tratte dalle opere del compositore nato a Palmi e famoso in tutto il mondo. Prolusioni di Martino Parisi.
Sabato 22 ottobre alle 9 la formazione dei docenti del territorio, che hanno risposto in modo massiccio, obbligando alla chiusura delle iscrizioni prima dei tempi previsti. Saluti istituzionali (Serafina Corrado, Giuseppe Falcomatà, Patrizia Nardi, Federica Roccisano). Relazioni di Luigi Berlinguer, Maurizio Piscitelli, Annalisa Spadolini, Bruno Carioti, Paolo Damiani, Amalia Lavinia Rizzo, Federica Pilotti. Modera Concettina Siciliano.