Rapina a mano armata in una farmacia nel reggino: arrestato 29enne [NOME, FOTO e DETTAGLI]

Tratto in arresto PISANO Salvatore, ritenuto responsabile del reato di concorso in rapina, aggravata dall’uso delle armi, in danno della Farmacia sita in Rosarno alla Piazza Valerioti

carabinieri_autoIl 29 ottobre 2016, all’esito di complessa ed articolata attività investigativa, i Carabinieri della Tenenza di Rosarno, in ottemperanza all’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa in data 29.10.2016 dal Gip del Tribunale di Palmi, hanno tratto in arresto  PISANO Salvatore, di anni 29 da Rosarno, già noto alle FF.OO., in quanto ritenuto responsabile del reato di concorso in rapina, aggravata dall’uso delle armi, commessa il 30.04.2015 in danno della Farmacia sita in Rosarno alla Piazza Valerioti.

L’arresto del PISANO giunge all’esito di un’incessante attività  investigativa svolta dai militari della Tenenza di Rosarno avviata a partire dal 30 aprile 2015 quando veniva tratto in arresto, in quasi flagranza, il complice AMATO Francesco di anni 47. È stata infatti la lettura congiunta dei primi elementi indiziari raccolti dai Carabinieri sulla scena del crimine, quali l’accurata osservazione delle immagini estrapolate dalle telecamere di sorveglianza e le descrizioni dell’abbigliamento del reo fornite nell’immediatezza dai testimoni, a consentire, sin dai primissimi istanti, di far luce sulla dinamica dei fatti e sul “modus operandi” dei rei.

Pisano Salvatore

Pisano Salvatore

In particolare i militari hanno potuto ricostruire come l’esecutore materiale della rapina, poi identificato nel PISANO, giunto a bordo di una Moto Ape guidata dall’AMATO, faceva irruzione all’interno della Farmacia, travisandosi il volto con un cappuccio e coprendosi la bocca col bavaro della giacca. Forzata la porta d’ingresso, raggiungeva il registratore di cassa da cui riusciva ad asportare l’incasso giornaliero, ammontante a circa 1.000 Euro in banconote di diverso taglio, per poi guadagnare la fuga in direzione della limitrofa Via Cincinnato. Tali elementi, uniti alla comparazione delle impronte papillari, individuate dai militari nel corso sopralluogo giudiziario svolto poco dopo il fatto, con quelle già presenti in banca dati, completavano il quadro accusatorio nei confronti del PISANO a tal punto da far ritenere sussistenti i gravi indizi di colpevolezza e le esigenze cautelari che hanno convinto l’Ufficio del GIP presso il Tribunale di Palmi, nella persona del dott. Carlo Alberto INDELLICATI, ad emettere un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del reo che, già in regime di detenzione domiciliare perché colpevole di ulteriori reati contro il patrimonio, è stato immediatamente rintracciato ed associato  presso la Casa circondariale di Palmi.