Ponte sullo Stretto, Renzi: “lo faremo, è naturale come li fanno in tutto il mondo. Alta velocità da Napoli a Palermo”

ponte-sullo-stretto-renzi-prima-o-poi-si-fara-1Il Ponte sullo Stretto “non e’ una priorità, prima ci sono la banda larga, l’edilizia scolastica, i viadotti in Sicilia, la Salerno-Reggio Calabria… Ma e’ la conclusione naturale di un percorso, per collegare Palermo e Napoli con l’alta velocità“. Cosi’ Matteo Renzi, intervistato da Massimo Gramellini all’Unione Industriale di Torino. “In tutto il mondo – ha detto – si fanno ponti lunghi 30 chilometri, si spenderanno 8 miliardi per la Torino-Lione, 7-8 per il Brennero, 1,5 per la variante di valico Firenze-Bologna, perché non si può fare il Ponte sullo Stretto… Talvolta – ha aggiunto – anche Berlusconi ha detto cose giuste, anche un orologio rotto due volte al giorno segna l’ora giusta“.

Il sottosegretario all’ambiente Barbara Degani: “Ponte importante, fondamentale. Pensiamo in grande, no a dibattito da stadio”

“E’ una infrastruttura davvero importante e fondamentale. Noi dobbiamo cercare di pensare in grande quando parliamo delle nostre infrastrutture“. Lo dice il sottosegretario all’Ambiente, Barbara Degani, rispondendo a una domanda sulla possibilita’ di costruire il Ponte sullo Stretto di Messina, a margine della sesta edizione di No Smog Mobility, la rassegna sulla mobilita’ sostenibile in corso al Museo storico dei Motori e dei Meccanismi dell’Universita’ di Palermo. “Se guardiamo a Est – continua il sottosegretario – gli altri Paesi in via di sviluppo guardano alla mobilita’ e vanno avanti in tal senso. Io mi auguro che non ci sia un dibattito sull’argomento degno di una tifoseria, ma mi auguro che ci sia un dibattito costruttivo“.