Più di 1000 migranti sbarcano in Sicilia: arrivate 17 salme, tra queste 3 bambini [FOTO]

Nuovo sbarco di migranti in Sicilia: più di 1000 arrivano nelle coste siciliane, di questi 17 sono morti e tra questi troviamo tre bambini

LaPresse/Guglielmo Mangiapane

LaPresse/Guglielmo Mangiapane

Nuovi volti, nuovi corpi, nuovi nomi, nuove anime. Altro sbarco di migranti in Sicilia. Questa volta a Palermo dove sono arrivati 1099 migranti salvati dalla nave norvegese Siem Pilot. Tra questi vi erano 17 salme, di cui 3 bambini. Il medico legale Giuseppe Termini ne è uscito straziato dopo aver visto il corpicino di una bimba di 8 anni ormai irriconoscibile. Molto probabilmente la bambina è stata calpestata durante le fasi di soccorso. L’altra piccola vittima non aveva più di un anno. Nuovi morti, quindi. Per una guerra che non gli appartiene, per delle questioni che non sono le loro. Parole ed immagini strazianti continuano a riempire le pagine dei giornali, ma nessuna grande istituzione è in grado di trovare una soluzione al problema. Comodamente seduti sulle loro poltrone o avvolti dal tepore delle loro case, lasciano che questi uomini, donne e bambini muoiano ogni giorno. Lasciano che i cittadini siano costretti a vivere situazioni ingestibili mentre giornalmente combattono ansie, paure e problemi causate sempre dai GRANDI leader. Intanto, la procura di Palermo ha aperto un’inchiesta e sta ascoltando sia il comandante della nave norvegese sia l’ufficiale di collegamento. A coordinare le indagini il pool diretto dal procuratore aggiunto Maurizio Scalia. La Procura ha già affidato l’incarico a cinque medici legali che dovranno eseguire nelle prossime ore l’autopsia sui cadaveri dei migranti arrivati al porto.  “I bambini massacrati dimostrano che abbiamo perso la ragione. Servono occhi sapienti per vedere questo esodo”, dice, durante le operazioni, l’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice. Sulle nostre coscienze, però, continuano a pesare questi morti.

LaPresse/Guglielmo Mangiapane
LaPresse/Guglielmo Mangiapane
LaPresse/Guglielmo Mangiapane
LaPresse/Guglielmo Mangiapane