Omicidio Loris, il Gup: “trasmissione degli atti al pm per calunnie di Veronica”

LaPresse/Andrea Di Grazia

LaPresse/Andrea Di Grazia

Il gup Andrea Reale nella sentenza di condanna a 30 anni per Veronica Panarello accusata di aver ucciso il figlio Loris, ha disposto la “trasmissione degli atti alla Procura per il reato di calunnia”. Il giudice ha escluso l’aggravante della premeditazione e delle sevizie. L’ipotetico reato di calunnia, del quale il pm di Ragusa dovra’ valutare la sussistenza, si riferisce alle affermazioni fatte da Veronica Panarello nei confronti del suocero Andrea Stival, che la donna ha accusato dell’omicidio di Loris.